Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Ma cancellare il debito non Ŕ necessario

Le banche centrali non chiederanno la restituzione dei titoli che acquistano

Fabrizio Galimberti 20/11/2020

 Ma cancellare il debito non Ŕ necessario Ma cancellare il debito non Ŕ necessario Il presidente del parlamento europeo, Davide Sassoli, dice che la Bce dovrebbe condonare i debiti pubblici da Covid. Il segretario del PD Nicola Zingaretti, dice che non bisogna gareggiare a chi le spara più grosse. Il ministro dell’economia, Roberto Gualtieri, dice che il peso del debito sarà alleggerito dalla crescita. Hanno ragione tutti e tre, ma forse Gualtieri più degli altri. L’uscita di Sassoli si scontrerebbe presto con i vincoli statutari di Maastricht, oltre che con la riluttanza dei Paesi ‘frugali’ ad ogni misura che odori di lassismo finanziario. La battaglia sarebbe durissima ed epocale. Ma c’è un altro modo di vincere la battaglia. Si tratta di un’iniziativa facile e geniale: non fare niente. John Calhoun, un parlamentare americano del primo Ottocento, disse un giorno che “la più alta saggezza è talvolta una saggia e magistrale inattività”. Ma perché non c’è bisogno di fare niente per ottenere la remissione del debito? La riposta è semplice: già fatto. I titoli del debito pubblico acquistati dalla Bce (come dalla Federal Reserve, o dalla Bank of England, o dalla Banca centrale giapponese o…) rappresentano debiti che non saranno mai restituiti. Resteranno in pancia alla Banca centrale, a parte le misere tecnicalità della scadenza e del rinnovo. E non costeranno niente agli Stati debitori, dato che gli interessi (miseri anch’essi) che saranno pagati alle Banche centrali ritorneranno agli Stati come versamento degli utili di dette Banche. Tanto varrebbe che gli Stati emettessero titoli irredimibili allo 0% riservati alla Banca centrale, o, per far più presto, tirassero sul conto, con fido infinito, presso la Banca.
 
Non è facile far capire ai benpensanti come tutto questo possa succedere senza terribili conseguenze. Come – diranno – e l’inflazione? E il debito? E la bancarotta? E i poveri nostri figli che dovranno accollarsi questi gravosi fardelli e restituire fino all’ultimo centesimo? L’identificazione del debito con la colpa non è solo un’ossessione teutonica, alberga nel conscio e nell’inconscio di noi tutti. E come la mettiamo con la condanna biblica: “Col sudore della fronte mangerai il pane” (Genesi, 3-18)? La mettiamo con il fatto che è dovere della Banca centrale sostenere l’economia creando moneta. Una creazione che sembra usurpare le prerogative del Creatore: la manna dal cielo può solo essere elargita da Qualcun Altro! Eppure, la possibilità di creare danaro è reale ed è un dono, se non della Provvidenza, dell’ingegnosità umana che ha creato la moneta fiduciaria. Certo, è un dono da maneggiare con cura e da usare solo in casi estremi. La solita obiezione: così si crea inflazione, è stata smentita dall’esperienza. L’inflazione non dipende da quanta moneta c’è in giro, ma da quanta voglia di spendere c’è in giro. E torniamo al condono del debito da parte della Bce. C’è già, come detto, di fatto se non di diritto. Per favore, smettiamo di spaventarci con il debito al 160% del Pil. Dovremmo parlare d’ora in poi di debito pubblico netto, considerando, cioè, il combinato disposto di Stato e Banca centrale: un’istituzione, quest’ultima, che fino a prova contraria fa parte anch’essa del settore pubblico. I titoli nell’attivo della Banca vanno a compensare i titoli nel passivo dello Stato. E la Banca centrale non è un creditore occhiuto ed esigente, come può essere il mercato. Quando acquista titoli pubblici nel corso di una grave crisi economica fa semplicemente il suo dovere, fa quello per cui è stata creata. Gualtieri ha ragione. Preoccupiamoci della crescita e basta: “tutto il resto vi sarà dato” (Matteo, 6 - 33).
Altre sull'argomento
Cancellare i debiti? Molto rischioso ripeterlo
Cancellare i debiti? Molto rischioso ripeterlo
Sassoli e i grillini finiscono per minare la credibilitÓ del nostro ...
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Giovedý 3 il presidente Conte firma il nuovo Dpcm
Il sasso di Sassoli nello stagno
Il sasso di Sassoli nello stagno
PerchÚ ha proposto la cancellazione dei debiti e ha detto no al Mes
Cancellazione dei debiti e futuro della Bce
Cancellazione dei debiti e futuro della Bce
Appare impraticabile la proposta del presidente dell'Europarlamento Sassoli
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.