Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Webuild, Astaldi e il sogno delle infrastrutture

Il colosso italiano delle costruzioni pu˛ dare una spinta a Pil e qualitÓ della vita

Giuseppe Roma 18/11/2020

Il cantiere di una grande opera costruita da Webuild Il cantiere di una grande opera costruita da Webuild Mentre non poche nubi si addensano in tutto il mondo su settori economici e grandi imprese, dall'Italia viene un segnale positivo e persino un po' di ottimismo per il futuro. Con l'acquisizione di Astaldi, Webuild, nuova denominazione della storica Salini-Impregilo, rafforza la sua posizione come una delle più rilevanti imprese globali nel campo delle costruzioni. Il gruppo si stima consolidi un fatturato complessivo di oltre 9 miliardi di euro, che, in base alla classifica stilata da Construction Europe  sui bilanci 2019, lo colloca fra i primi 10 operatori europei del settore, superando Saipem, unica altra azienda italiana presente nella top ten. Con un portafoglio ordini di 40 miliardi di euro, Webuild sembra destinata a crescere ulteriormente, facendosi largo in un mercato dell'ingegneria ora dominato dai colossi francesi e spagnoli.
 
Al primo posto, infatti, si colloca Vinci con 43,5 miliardi di fatturato e al terzo Bouygues con 35,5 miliardi. L'iberica Acs è seconda con 36,5 miliardi, ma ha da qualche anno acquisito il controllo della tedesca Houchfieg, quarta con 23,9 miliardi di euro. I vantaggi che il Paese potrà trarre da questa fusione sono molteplici. Solo una dimensione adeguata rende il settore edilizio propulsivo per lo sviluppo, in quanto capace di incorporare il progresso tecnologico, maneggiare gli strumenti gestionali e finanziari più avanzati, contribuire a una gestione sostenibile del territorio.
 
Webuild ha realizzato reti ferroviarie come il Metro Cityring di Copenaghen o il Gran Paris Express, e in Italia è ora impegnata nella tratta di collegamento veloce Verona-Padova. Accrescere il trasporto su rotaia costituisce un modo concreto di contrastare i cambiamenti climatici. Ma più in generale le grandi società d'ingegneria sono impegnate nel realizzare centrali energetiche con fonti rinnovabili o a idrogeno, invasi e acquedotti per preservare la risorsa idrica, o anche zero carbon building per ridurre le emissioni. Le dimensioni impongono, poi, una forte presenza all'estero che comporta una rilevante conoscenza e capacità di competere nei mercati internazionali.
 
Le imprese francesi e spagnole sono state fin qui avvantaggiate da un ricco mercato nazionale, che è mancato alle nostre, determinando una scarsità di infrastrutture e un troppo lento rinnovamento di quelle esistenti. Poter disporre di una grande azienda dotata del know how indispensabile a realizzare infrastrutture presto, bene e al giusto prezzo, costituisce un vantaggio che il governo non dovrebbe farsi sfuggire nel programmare i prossimi investimenti del Pnrr. Potrebbe venire da qui la spinta al rimbalzo del Pil, ma soprattutto finalmente una maggiore qualità della vita per i cittadini.
Altre sull'argomento
Una manovra incerta per il Covid
Una manovra incerta per il Covid
Ammontare lordo di quasi 40 miliardi ma "balla" il deficit 2021
Le piccole prove di ripresa
Le piccole prove di ripresa
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Ue, previsioni incoerenti per il Covid
Ue, previsioni incoerenti per il Covid
Il 2020 dovrebbe essere migliore delle stime, il 2021 peggiore, in ...
L'effimero rimbalzo del Pil
L'effimero rimbalzo del Pil
Superiore alle attese nel terzo trimestre, ma ricadrÓ nel quarto
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.