Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La trappola del debito pubblico

In luglio è aumentato a 2560 miliardi contro un Pil di 1600

Innocenzo Cipolletta 23/09/2020

Roberto Gualtieri Roberto Gualtieri Il nostro debito pubblico ha toccato i 2560 miliardi di euro a luglio. Il Pil del 2020 sarà all'incirca pari a 1600 miliardi di euro ai prezzi di mercato. Potrebbe tornare attorno ai 1700 miliardi nel 2021, quando il debito pubblico sarà attorno ai 2600 miliardi almeno. Tenendo conto di questi ordini di grandezza, se ne deduce che un aumento del Pil dell'1% sarà pari a 170 miliardi, mentre un tasso di interesse sul debito pubblico, sempre dell'1%, genererà un aumento di spesa pubblica pari a 260 miliardi.
 
Credo che bastino queste due cifre per capire la trappola che attende l'economia italiana. Occorre che i piani italiani per il Next Generation Ue ci consentano soprattutto un forte aumento della dinamica del Pil ed è necessario che la pressione fiscale complessiva non si riduca per poter prevedere un graduale ridimensionamento del peso del debito pubblico e, quindi, un ritorno del paese alla sovranità dei nostri conti pubblici.
Altre sull'argomento
L'effimero rimbalzo del Pil
L'effimero rimbalzo del Pil
Superiore alle attese nel terzo trimestre, ma ricadrà nel quarto
La ripresa dovra' attendere
La ripresa dovra' attendere
Mentre il governo si accinge a stanziare nuovi aiuti per le attività ...
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Venerdì il verdetto sul Pil del terzo trimestre
Manovra e retroazione fiscale
Manovra e retroazione fiscale
Ancora incerto il contenuto espansivo della legge di bilancio
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.