Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Pil, le stime peggiorano (per il passato)

Le previsioni sul futuro della crescita restano sostanzialmente confermate

Sergio De Nardis 09/07/2020

Pil, le stime peggiorano (per il passato) Pil, le stime peggiorano (per il passato) E’ in corso una nuova revisione al ribasso delle stime del Pil per il 2020 da parte dei previsori. Nelle scorse settimane è stato il Fondo monetario internazionale a tagliare le proprie valutazioni, ora è il turno della Commissione europea che porta la previsione per l’Italia a -11,2% (dal -9,5 atteso tre mesi fa), una contrazione la cui entità non è significativamente dissimile da quella attesa per Francia (-10,6%) e per la Spagna (-10,9%), cioè gli altri due paesi europei maggiormente colpiti dal coronavirus. La revisione ha destato allarme, ma il punto da sottolineare è che in questa fase le previsioni sul 2020 si abbassano non perché peggiorano le valutazioni sul futuro, ma quelle sul passato. Il taglio, per l’Italia e per gli altri paesi, dipende esclusivamente dalla stima di una recessione nel primo semestre peggiore delle attese di tre mesi fa. Il futuro rimane sostanzialmente identico in tali valutazioni, con un rimbalzo più forte nel III trimestre (che sembra avvalorato dai consistenti rialzi dei recenti indicatori congiunturali) e poi un’evoluzione in linea con le aspettative che si avevano in primavera.
 
La ripresa italiana nel 2021 continua evolvere come nelle precedenti stime a ritmi medi trimestrali dello 0,6%. Essa risulta in media d’anno leggermente più bassa che nelle Spring forecast (6,1 da 6,5%), solo per gli effetti di trascinamento da un peggiore 2020 e una diversa distribuzione degli incrementi trimestrali nell’arco dell’anno. La prospettiva della ripresa nel quadro della Commissione non è quindi cambiata in peggio, è solo mutata l’intensità della passata recessione. Infine, queste correzioni non incidono sulle decisioni di un nuovo scostamento dei saldi di finanza pubblica 2020 perché le regole del Patto di stabilità sono sospese e occorre realizzare tutte le azioni necessarie per contenere i danni all’economia causati dal Covid.
 
Altre sull'argomento
Promemoria per la ripresa
Promemoria per la ripresa
A settembre dovremo correre per rispettare la tabella di marcia europea
Si gioca a Ischia
Si gioca a Ischia
...L'ultima scommessa di Angela
La calda estate dell'America
La calda estate dell'America
Tutto va a rotoli, forse anche Trump
Le incognite sul Pil e sul rimbalzo di consumi e crescita
Le incognite sul Pil e sul rimbalzo di consumi e crescita
Ma finchÚ non sarÓ risolta la crisi sanitaria tutte le previsioni ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.