Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

L'ex-Ilva dopo Alitalia

Torna lo Stato imprenditore multiforme

Claudio Di Donato 29/05/2020

Uno stabilimento Arcelor-Mittal Uno stabilimento Arcelor-Mittal Tra gli effetti della crisi da Covid-19 va registrato un nuovo e multiforme interventismo dello Stato nell'economia. Accanto a sussidi, benefici fiscali, moratorie che hanno un carattere assolutamente straordinario e temporaneo, compaiono interventi strutturali e di lungo periodo. I principali sono il potenziamento dell'Ecobonus e la garanzia pubblica sui finanziamenti, ma la caduta verticale del ciclo ha spazzato via qualsiasi riserva sull'ingresso di capitale pubblico nelle aziende private, favorita anche dalla sospensione delle regole comunitarie. Ilva e Alitalia sono l'espressione più evidente del nuovo corso. Per la ex compagnia di bandiera è pronta la ri-nazionalizzazione coi 3 miliardi stanziati nel Dl Rilancio (il doppio delle risorse destinate alla scuola). Per il travagliato gruppo siderurgico la nuova filosofia è accompagnare con aiuti di Stato il player privato.
 
Il ministro Patuanelli ha spiegato che il capitale privato incontra molte difficoltà a trovare l'equilibrio tra produzione, tutela dell'ambiente e della salute. In attesa di conoscere l'ennesimo piano industriale firmato Arcelor-Mittal, il governo ha espresso la disponibilità a co-investire nell'ex Ilva. Soltanto due anni fa ancora si parlava di liquidare l'Ilva e produrre colonnine elettriche. I sussidi pubblici a settori e imprese sono una pratica molto diffusa a livello globale. La questione quindi non è l'intervento diretto o indiretto dello Stato ma obiettivi e strategie. Il sostegno pubblico alla siderurgia presenta una logica economica, sull'Alitalia è assai complicato individuare anche un solo motivo per impiegare capitali pubblici. In ogni caso dovrebbe trattarsi di interventi eccezionali e temporanei e soprattutto ben motivati. Altrimenti torneremo all'epoca di "privatizzare i profitti e statalizzare le perdite" che tanti guasti ha provocato al tessuto produttivo italiano e al bilancio dello Stato.
Altre sull'argomento
Non reggono le obiezioni sul Mes
Non reggono le obiezioni sul Mes
Ricorrere al prestito da 36 miliardi non indebolirebbe la situazione ...
Ma noi l'Iva la dovremmo aumentare
Ma noi l'Iva la dovremmo aumentare
Dopo l'emergenza, per poter ridurre le tasse su lavoro e produzione
Pro e contro il calo dell'Iva
Pro e contro il calo dell'Iva
Per spingere i consumi deve essere immediato e breve
Altro parere
Altro parere
Serve pi¨ Italia in Libia
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.