Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Cieli italiani tempestosi (ma non per gli stranieri)

Il crac di Air Italy allunga la serie di fallimenti di compagnie nazionali

Claudio Di Donato 12/02/2020

Cieli italiani tempestosi (ma non per gli stranieri) Cieli italiani tempestosi (ma non per gli stranieri) La fine di Air Italy conferma che l’Italia e in particolare il trasporto aereo non portano bene agli investitori dei paesi del Golfo. L’avventura targata Qatar Airways è durata appena due anni, una storia molto simile al fallito matrimonio tra Etihad e Alitalia. Più in generale, la campagna di acquisizioni effettuata negli anni dalle tre big del Golfo (Emirates, Etihad e Qatar) non ha prodotto risultati positivi. Sinergie scarse a livello industriale e commerciale alla base della serie di fallimenti. Ma la crisi irreversibile della ex Meridiana non ha la causa principale nel partner qatariota. Il caso Air Italy rappresenta l’ennesimo crac di compagnie aeree italiane, in un ventennio una quindicina. Eppure il mercato del trasporto aereo italiano gode di ottima salute, in dieci anni è raddoppiato il numero dei passeggeri che ne fanno il quarto in Europa, dopo la Spagna e prima della Francia.
 
Tra le ragioni del lungo elenco di fallimenti l’avventurismo di molti imprenditori ma anche un contesto particolare che fa del mercato italiano del trasporto aereo uno dei più competitivi al mondo. La debolezza strutturale dell'ex compagnia di bandiera ha fatto dell’Italia il principale mercato estero per tutti i principali vettori del vecchio continente, in particolare per le low-cost. La penisola vale il 27% dei passeggeri di Ryanair, il 20% per EasyJet e il 17% per Vueling. I principali mercati europei sono fortemente concentrati da IAG, Lufthansa e Air France-Klm, in Italia il primo vettore è Ryanair con una quota del 20%. Mercati molto efficienti e competitivi richiedono capitali, strategie e management adeguati alla sfida. Il Made in Italy del trasporto aereo dimostra ancora una volta di non disporne.
Altre sull'argomento
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Prendono il via oggi a Montecitorio le votazioni sulla conversione in ...
L'inchiesta (senza radar) sulla crisi Alitalia
L'inchiesta (senza radar) sulla crisi Alitalia
Le spese di rappresentanza e le ragioni del dissesto
Domande senza risposta
Domande senza risposta
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Il Regno Unito al voto per la Brexit
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.