Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Dilagano le disuguaglianze

Per il Rapporto Oxfam le più discriminate sono le donne

Pia Saraceno 21/01/2020

Dilagano le disuguaglianze Dilagano le disuguaglianze La disuguaglianza è fuori controllo: nei paesi G7 la remunerazione degli azionisti benestanti cresce da anni dieci volte di più della crescita dei salari (tra il 2011 ed il 2017 del 31% contro il 3%). Aumentano anche i miliardari ma si impoveriscono sempre di più le famiglie che basano il loro tenore di vita sul reddito da lavoro. L'aumento dei miliardari dovrebbe essere letto, afferma il rapporto Oxfam 2020, come il segnale del fallimento delle politiche neoliberiste che danno valore alla liberalizzazione dei mercati e alla riduzione della spesa pubblica e che hanno consentito la creazione del potere monopolistico in molti settori. Oramai numerosi studi dimostrano la capacità dei super ricchi di condizionare la distribuzione del reddito nella fase della sua formazione, nonché le politiche redistributive e gli strumenti di governo della politica economica. Ricordandone le principali conclusioni e raccomandazioni inascoltate, il rapporto 2020 sceglie di privilegiare una lettura "sessista" della diseguaglianza. Puntando a mostrare come la concentrazione della ricchezza sia fondata anche sulla discriminazione di genere e sullo sfruttamento del lavoro di cura, svolto soprattutto dalle donne.
 
Il nostro sistema economico è stato costruito infatti dagli uomini sulla base di presupposti teorici pensati da uomini. Una considerazione che non teme smentite: in tutte le statistiche le donne in posizione apicale e di potere sono una percentuale esigua. Mentre le fortune dei miliardari crescono a tassi esponenziali (con poco lavoro e dando poco valore effettivo) globalmente 12,5 miliardi di ore sono lavorate in attività di cura senza remunerazione da un esercito di donne. Oxfam ha calcolato che globalmente il loro valore annuo è di 10,8 trilioni di dollari: tre volte il valore mondiale dell'industria high tech. Oxfam ci ha abituato a questi confronti in apparenza un po' paradossali, ma non smentibili. Nonostante le evidenze crescenti si può concordare poi con Oxfam nell'osservare come sia in atto il contagio delle cattive politiche promosse da leader politici miliardari. Politiche che puntano a ridurre ancora le tasse sui redditi elevati, la chiusura delle frontiere alle popolazioni in situazioni di bisogno estremo, il sessismo manifestato in forme più o meno esplicite, campagne d'odio nei confronti delle minoranze continueranno ad ampliare il divario tra chi ha e chi non ha niente.
Altre sull'argomento
I sacrifici da non sprecare
I sacrifici da non sprecare
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Guerra al contagio senza illusioni
Guerra al contagio senza illusioni
Il crollo della produzione e il falso mito dell'autarchia
 L'emergenza sarà lunga, come affrontarla
L'emergenza sarà lunga, come affrontarla
Riorganizzare le economie per far fronte ai bisogni sanitari
Finanza pubblica senza rete
Finanza pubblica senza rete
Il peggioramento dei conti e la scarsa solidarietà europea
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.