Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La lezione di Bernard Arnault

Che cosa insegna l'acquisizione di Tiffany da parte del magnate francese del lusso

Claudio Di Donato 26/11/2019

 La lezione di Bernard Arnault La lezione di Bernard Arnault Bernard Arnault mette le mani su un’altra icona del lusso. L’acquisto di Tiffany da quasi 15 miliardi di euro consolida la leadership mondiale di LVMH, che aumenta di 4 miliardi i ricavi superando di slancio i 50 miliardi, oltre tre volte il primo concorrente. L’operazione ha ricevuto i consensi del mercato in quanto permette a LVMH di rafforzare la presenza in Usa e nel segmento degli orologi, dove i ricavi raddoppiano a 8 miliardi. L’impero di Arnault (oltre 200 miliardi di capitalizzazione) è stato costruito in appena 30 anni: a fine '80 fatturava appena 50 milioni. E’ l’uomo che ha fatto compiere il salto culturale al settore del lusso, coniugando la cultura della qualità artigianale con le logiche manageriali delle grandi imprese.
 
Un pezzo rilevante del pianeta LVMH parla italiano (Fendi, Bulgari e Loro Piana su tutti), ma sarebbe sbagliato considerare lo shopping di griffe del Made in Italy come un’invasione. Le acquisizioni di Arnault nella Penisola così come quelle di Pinault (Gucci) Michael Kors (Versace) hanno valorizzato il genio e le competenze italiche nella moda e nel lusso. Non sono predoni che acquistano quote di mercato, ma investitori che sanno valorizzare l’unicità del "saper fare" italiano. Tuttavia il fatto che Arnault versi un miliardo di tasse nelle casse francesi conferma che piccolo può essere bello, ma grande è certamente meglio. Siamo capaci di inventare multinazionali tascabili come nessun altro al mondo, ma ci manca quella capacità, che non richiede i tratti del genio, per compiere il salto dimensionale. Forse perché la maggioranza dei capitalisti italici (ma anche dei media e della classe dirigente) ancora non riesce a disgiungere il controllo dal possesso.
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.