Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

L'Europa ci rimanda a primavera

Manovra a rischio di "deviazione significativa" dal Patto di stabilitÓ e crescita

Sergio De Nardis 20/11/2019

L'Europa ci rimanda a primavera L'Europa ci rimanda a primavera La Commissione europea ha comunicato l’opinione sui programmi di bilancio 2020 dei paesi membri: 9 sono giudicati conformi al Patto di stabilità e crescita, 2 a grandi linee conformi, mentre 8 sono visti a rischio di non conformità. Tra questi c’è il programma dell’Italia che condivide una simile valutazione con Belgio, Spagna, Francia, Portogallo, Slovenia, Slovacchia e (perfino) Finlandia. Per l’Italia (ma anche per Belgio, Spagna e Francia) si vedono rischi di deviazione significativa tanto dal percorso verso l’obiettivo di medio termine (che per il nostro paese è, dallo scorso aprile, pari a un avanzo strutturale dello 0,5% del PIL, ossia il target più severo tra tutti i paesi UE, anche più della Grecia), quanto dal benchmark di riduzione del debito. Lieve nota positiva: l’Italia è l’unico tra i paesi a rischio di non conformità a cui si riconosce di aver fatto qualche (non limitato) progresso rispetto alle raccomandazioni del luglio scorso.
 
Conseguenze immediate di queste valutazioni? Nessuna. C’è un invito al governo (e agli altri potenziali reprobi) a prendere le misure necessarie per assicurare il riallineamento alle prescrizioni, destinando ogni eventuale entrata maggiore delle attese alla riduzione del debito/Pil. Nello scadenzario europeo tutto viene rinviato alla prossima primavera quando la (a quel punto si spera nuova) Commissione pubblicherà, con le previsioni aggiornate, il rapporto-paese in cui si farà il punto degli avanzamenti e allora si vedrà. Quindi, come scontato, non cambia nulla per la manovra, che deve invece fronteggiare rischi interni un po’ più consistenti per il non semplice passaggio parlamentare. E per quanto riguarda i rapporti con la Commissione, non c’è che da attendere, a questo punto, l’insediamento della nuova struttura e le eventuali novità che essa sarà in grado di apportare per dar seguito agli intendimenti annunciati (spazio per gli investimenti e le spese per l'ambiente).
Altre sull'argomento
Mes, banche tedesche e terrapiattisti
Mes, banche tedesche e terrapiattisti
Non Ŕ vero che l'obbiettivo del Fondo europeo Ŕ salvare gli istituti ...
Poche novita' dal bilancio Ue
Poche novita' dal bilancio Ue
Ci vorranno strumenti separati per il Green New Deal della Von der Leyen
Data di scadenza dopo la manovra
Data di scadenza dopo la manovra
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Il mondo alle 20
Il mondo alle 20
Mes, Mario Centeno (Eurogruppo): non vediamo il bisogno di riaprire la ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.