Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Noi pare che ce la caviamo

Segni di miglioramento della percezione del futuro da parte delle famiglie

Innocenzo Cipolletta 11/10/2019

Noi pare che ce la caviamo Noi pare che ce la caviamo L’ultima indagine di Ilvo Diamanti pubblicata su La Repubblica del 10 ottobre segnala un parziale miglioramento della percezione del futuro da parte delle famiglie italiane. Può sembrare strano che questo avvenga malgrado una situazione economica che sembra immobile e destinata a deteriorarsi, e Diamanti avverte che possiamo essere in presenza di fenomeni di assuefazione al degrado, al punto che non ci si accorge più dello “star male” e si valuta solo se per caso qualcosa può farci “star meglio” anche se di poco.
 
Ma è significativo che i più giovani siano più ottimisti dei più anziani. Può sembrare normale, perché i giovani hanno un lungo futuro mentre gli anziani ne hanno meno. Ma questa divaricazione va contro la retorica del: “i nostri figli staranno peggio” e testimonia che nel paese qualche cosa si sta muovendo. In realtà le statistiche medie della nostra economia, che indicano una stagnazione da molti anni, nascondono molte situazioni di forte mobilità individuale, che possono anche risultare positive. D’altra parte è risaputo che l’Italia è un paese che va male, ma gli italiani sono un popolo che “se la cava” sempre in qualche modo.
Altre sull'argomento
Fca-Peugeot, un segnale positivo per l'Europa
Fca-Peugeot, un segnale positivo per l'Europa
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Altro parere
Altro parere
Se l'asino va davanti alla lavagna
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.