Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Idee per la legge di bilancio

Come conciliare tenuta dei conti e sostegno alla crescita

Innocenzo Cipolletta 02/08/2019

Idee per la legge di bilancio Idee per la legge di bilancio La prossima legge di stabilità dovrebbe conciliare la tenuta dei conti pubblici per rispettare gli impegni europei (e per evitare aumenti dello spread) con la necessità di favorire una crescita della nostra economia. Ci riuscirà questo Governo? Ne dubito. Sicuramente (spero) rispetterà in qualche modo avventuroso la tenuta dei conti, perché questo sembra ormai un impegno quasi personale di Conte e Tria, di cui dobbiamo essere riconoscenti. Ma quanto a sostenere l’economia con qualche marginale riduzione di imposte, salario minimo e fondi per l’innovazione appare una missione impossible. 
 
Che cosa si può fare? La mia idea, controcorrente, è che bisognerebbe abolire Quota 100 e aumentare alcune imposte (Iva e ripristinare l’Imu sulla prima casa) per trovare le risorse necessarie per finanziare le infrastrutture e per migliorare i servizi pubblici, a partire dall’istruzione, la giustizia, la sanità, l’assistenza alla collocazione dei disoccupati e tanti altri servizi che sono essenziali per la vita di una società civile. Ma, non temete, nessuno farà mai deliberatamente una simile politica e quindi non resta che rassegnarci a una lenta crescita intervallata da qualche ripresa trainata dalle esportazioni.
Altre sull'argomento
Un sogno sulla manovra
Un sogno sulla manovra
Sei principi per costruire la legge di bilancio
Manovra ancora indefinita
Manovra ancora indefinita
Sentiero strettissimo dopo l'annullamento degli aumenti Iva
La svolta smarrita
La svolta smarrita
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.
PIERALDO ISOLANI 03/08/2019 11:49
Sono perfettamente d'accordo. Aggiungo:
- riformulare il reddito di cittadinanza finalizzandolo al solo obiettivo di sostegno alle famiglie povere (i.800.000 dice l'Istat), con la conseguente non assunzione dei Navigator, magari aumentando le risorse con una piccola Patrimoniale ad hoc.
- intervenire per stimolare la natalitÓ attraverso una sostanziale revisione degli orari di scuole elementari, materne ed asili nido con aperture fino alle ore 20 per permettere ai genitori che lavorano di avere la certezza della custodia dei figli. Inoltre, un riassetto degli assegni familiari riproporzionandoli in funzione del numero dei figlie del reddito familiare ed aumentandoli considerevolmente per le famiglie con redditi bassi.