Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Sull'infrazione Ue via alla contrattazione

Severo il giudizio della Commissione sui nostri conti pubblici

Sergio De Nardis 05/06/2019

Giovanni Tria Giovanni Tria E via alla contrattazione. La Commissione europea, come era nella attese, non si è fatta smuovere dai fattori rilevanti avanzati dall’Italia per valutare la deviazione del debito/PIL e ha concluso sulla base della sua analisi tecnica che una procedura d’infrazione è giustificata. Si tratta di un primo passo. Tocca ora agli Stati membri decidere se fare propria questa valutazione. Sarà il Comitato economico finanziario (direttori generali del tesoro e delle banche centrali dei paesi membri) che a metà giugno si esprimerà sul sostenere o meno il giudizio della Commissione. In caso positivo, la Commissione indirizzerà al Consiglio (capi di governo), che si riunirà in luglio, una raccomandazione sull’esistenza di una condizione di deficit eccessivo a motivo del debito. A quel punto il Consiglio deciderà. E’ l’ora, dunque, dei negoziatori: spazio a Conte e Tria. Anche questo era pienamente scontato e anticipato dalle parole degli scorsi giorni degli stessi protagonisti.
 
 
 
Nel merito, il Rapporto della Commissione rileva da un lato le ampie deviazioni del debito/PIL dal benchmark nel 2018 e, sulla base delle previsioni tanto della Commissione che del governo, nel 2019 e 2020 e, dall’altro, la non conformità con il sentiero di aggiustamento del saldo strutturale nel 2018-2019 e, sulla base delle sue stime che non considerano l’IVA, nel 2020. Bruxelles dismette uno dopo l’altro i fattori rilevanti avanzati dall’Italia. Il rallentamento del 2018 è un elemento mitigante solo in parte, anche perché la frenata ha risentito delle stesse scelte del governo che hanno indotto aumento di incertezza, rialzo di spread e restringimento del credito. Per il 2019 è bensì possibile che il deficit/PIL sia inferiore alle previsioni, ma ciò sarà valutabile solo quando si avranno più informazioni. Sugli impegni sul 2020 pende l’incertezza della clausola IVA: il governo dice di volerla disattivare, ma non fornisce dettagli sulle misure alternative. La Commissione prende invece solo atto, non ribattendo, dell’argomento più sostanziale della difesa governativa: le stime dell’output gap e la profondità della debolezza ciclica dell’economia italiana. Probabilmente la debolezza della posizione italiana rende possibile anche questo. Il tutto è arricchito da un severo giudizio circa la frenata e i passi indietro (pensioni) nel processo di riforma dell’economia. Questa è dunque la base di partenza di una trattativa che si annuncia difficile e che si accompagna al complesso ridisegno politico degli organi di governo europei (potendo anche interagirvi).
 
Altre sull'argomento
Come la Brexit ha distrutto la politica inglese
Come la Brexit ha distrutto la politica inglese
E il nuovo Parlamento europeo si ritrova al proprio interno un gruppo ...
La
La "prima" di Savona alla Consob
La preoccupazione principale Ŕ l'utilizzo del risparmio per impieghi ...
La contraddizione di Tria
La contraddizione di Tria
La strategia per evitare l'infrazione Ue incompatibile con le promesse ...
Altro parere
Altro parere
Altro che schiena dritta il governo ha la scoliosi
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.