Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Salario minimo garantito

Le proposte di legge di M5S e Pd

Domenico De Masi 13/03/2019

Salario minimo garantito Salario minimo garantito Piaccia o no, insieme alla riforma agraria (1950) e alla riforma sanitaria (1980), il Reddito di Cittadinanza (RdC) rappresenta una delle tre maggiori provvidenze per i poveri varate dalla nostra Repubblica. Grazie ad esso l’Italia si mette più o meno alla pari con gli altri paesi europei. Ora è il turno del “salario minimo orario”. Mentre in Italia ancora oggi migliaia di giovani e di immigrati lavorano per 3 o 4 euro all’ora, il salario minimo, che fu introdotto più di cento anni fa in Australia e in Inghilterra, oggi è presente in 29 Paesi su 37 dell’area Ocse, compresi quelli più importanti, e in 22 Paesi su 28 in Europa, comprese Francia e Germania. Dopo decenni di tentennamenti, ora stanno per andare al voto delle Camere due proposte di legge: una dei 5 Stelle (prima firmataria la stessa Nunzia Catalfo che nel 2013 propose il Reddito di Cittadinanza) e una del Pd (primo firmatario Mauro Laus). Continua, dunque, la rincorsa tra 5 Stelle e PD a chi si intesta più leggi “di sinistra”. Nel caso del RdC, i 5 Stelle sono stati molto più generosi del Pd: il loro sussidio prevede 780 euro per 5 milioni di poveri mentre il ReI di Gentiloni prevedeva 220 euro per 1,2 milioni di poveri.
 
Invece, nel caso del salario minimo orario, il Pd è leggermente più generoso dei 5 Stelle: entrambi propongono 9 euro all’ora (poco meno che in Francia; più o meno come in Gran Bretagna) ma il M5S li vuole “al lordo degli oneri contributivi e previdenziali” mentre il PD li vuole “al netto dei contributi previdenziali e assistenziali”. Si tenga conto che in molti paesi è previsto anche un salario minimo mensile, che va dai 156 euro dell’Albania ai 1.500 euro del Belgio e ai 3.400 della Svizzera. Cgil, Cisl e Uil, preoccupati di perdere potere contrattuale a causa di questa legge che li scavalcherebbe, al salario minimo garantito dal governo preferiscono quello stabilito nelle tabelle salariali dei loro contratti nazionali. Il fatto è che milioni di lavoratori non sono contemplati da questi contratti e che spesso i minimi salariali previsti non sono rispettati, mentre una legge taglierebbe la testa al toro riguardando tutti i lavoratori e comportando sanzioni per i datori di lavoro inadempienti. Considerato che la distanza tra la proposta dei 5 Stelle e quella del Pd è irrisoria, e sperando in un Pd post-renziano, Di Maio ha proposto al neo-eletto Zingaretti di unificare i due testi di legge e votare congiuntamente il testo unico. Le risposte del Pd non si sono fatte attendere: la Serracchiani ha scritto che “se quella del M5S è un’iniziativa seria e non la solita campagna propagandistica, troverà sempre pronto il Pd nella difesa degli interessi dei lavoratori”; Zingaretti ha detto che “i processi politici non si fanno con le furbizie”; Gentiloni ha chiuso ai “giochini con i 5 Stelle”. Quindi tutto lascia prevedere che saranno messe ai voti entrambi le proposte e che passerà quella dei 5 Stelle.
Altre sull'argomento
Altro parere
Altro parere
Il grillismo moderato Ŕ come Mark Caltagirone
l popolari e una crisi senza rete
l popolari e una crisi senza rete
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Uno piu' uno ora fa zero
Uno piu' uno ora fa zero
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
L'imparzialitÓ di Conte (al capolinea?)
L'imparzialitÓ di Conte (al capolinea?)
Muro contro muro tra M5S e Lega sul decreto sicurezza bis
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.