Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Per la crescita meglio gli investimenti

...ma con adeguate strutture di gestione

Giuseppe Roma 05/10/2018

Per la crescita meglio gli investimenti Per la crescita meglio gli investimenti Entriamo nel vivo del dibattito sulla Legge di Stabilità e uno degli argomenti che più agita la discussione – dentro e fuori la maggioranza  – riguarda il mix fra assistenza e investimenti. A giustificazione di un peggiorato equilibrio di bilancio viene sbandierata l’intenzione di stimolare gli investimenti e di sollecitare la domanda interna destinando maggiori risorse pubbliche direttamente alle tasche degli italiani. Quello di stimolare la crescita attraverso trasferimenti alle famiglie non è assioma statisticamente dimostrato, basti ricordare, a tal proposito, i dubbi sollevati sugli effetti macro degli 80 euro di Renzi. Nessuno nega, al contrario, i benefici impatti degli investimenti sullo sviluppo specie se ben indirizzati e gestiti. Nel 2001 la quota degli investimenti sul Pil era in Italia pari al 20,5%, nel 2017 è scesa al 17,3%. Agli inizi degli anni Duemila ci divideva dalla media europea e dai valori di Germania e Francia circa un punto percentuale, ora il divario supera i tre punti e arriva a quasi 5 sulla Francia. Le famiglie italiane investono leggermente più della media europea, mentre decisamente sotto si collocano imprese e istituzioni.
 
In Italia sugli investimenti pubblici pesa come un macigno la macchina amministrativa e una poco lungimirante guida politica. Realizzare infrastrutture è un groviglio pieno di stop and go: nessuna scelta è definitiva, nessun progetto è pienamente operativo, ma riserva sempre incognite, varianti, imprevisti. Il blocco della gara per la ferrovia Torino-Lione è un esempio di stretta attualità. In questo caso a fermare i lavori sono bastati i dubbi di un ministro, senza alcun provvedimento legale o inconveniente tecnico. Altro caso ricorrente riguarda l’impiego dei fondi della programmazione comunitaria 2014 -2020, per i quali ogni anno corriamo il rischio del disimpegno automatico delle somme stanziate (quest’anno al 31 luglio abbiamo sostenuto una spesa di 4,5 miliardi di euro pari al 53% di quanto programmato). La giustificata preoccupazione di perdere risorse disponibili, ha fatto passare in secondo piano quella per gli esiti effettivi degli interventi su sviluppo e occupazione. Non è pensabile che provvedimenti innovativi o stimoli agli investimenti possano produrre effetti sulla crescita senza adeguati strumenti di gestione delle politiche. E questa è la sfida più difficile su cui hanno fallito anche i programmi più ambiziosi.
Altre sull'argomento
La retromarcia sulle pensioni
La retromarcia sulle pensioni
E' la misura della manovra che farÓ pi¨ male all'economia
 Il nodo del Pil e la crisi di fiducia
Il nodo del Pil e la crisi di fiducia
Gli investimenti privati si sono giÓ fermati in attesa di capire come finirÓ
Il miraggio della crescita
Il miraggio della crescita
Il governo punta sull'aumento del Pil ma finisce per ridurlo
Tria e l'illusorio aumento del Pil
Tria e l'illusorio aumento del Pil
Poco credibile la previsione di crescita dell'1,6% nel 2019
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.