Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Sogno d'estate all'assemblea Abi

Il ministro Tria: aumenteremo crescita e occupazione e ridurremo tasse e debito

Paolo Mazzanti 10/07/2018

Giovanni Tria Giovanni Tria In palese contrasto con la sua espressione mesta e quaresimale, il ministro Tria va spargendo un fanciullesco e gioioso ottimismo: pensa sia davvero possibile con questi chiari di luna politici ed economici - l'ha ripetuto anche stamane all'assemblea Abi - aumentare Pil e occupazione e ridurre insieme tasse e debito. Come riuscire in questo gioco di prestidigitazione, con la crescita e l'export in calo e coi rischi di guerra commerciale globale, ce lo dirà a settembre con l'aggiornamento del Def e a ottobre con la legge di bilancio. Temiamo sopravvaluti la virtù taumaturgica degli investimenti pubblici (con i progetti che latitano, i dirigenti pubblici che non firmano neanche sotto tortura e i ricorsi al Tar pressoché automatici) e sottovaluti la pressione crescente di Lega e M5s per aumentare il deficit infischiandosene della Ue. Incrociamo le dita.
 
Intanto Visco e Patuelli hanno riportato i banchieri sulla terra. Indicando il rallentamento delle riforme, Visco ha detto: "In queste condizioni, davanti a una nuova crisi, saremmo oggi molto più vulnerabili di quanto lo eravamo 10 anni fa". E Patuelli, per rasserenare la platea, scura non solo per le grisaglie, ha ammonito contro i pericoli di "finire nei gorghi di un nazionalismo mediterraneo molto simile a quelli sudamericani" e ha ricordato che in primavera in Argentina il tasso di sconto ha raggiunto il 40%,  mentre da noi negli Anni Ottanta si era fermato, si fa per dire, al 19%. Governo avvisato...
Altre sull'argomento
Un'illusione in tre atti
Un'illusione in tre atti
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
La sfida degli investimenti pubblici
La sfida degli investimenti pubblici
Spendere i fondi gia' in bilancio per stimolare la crescita senza ...
Il tempo dei conti
Il tempo dei conti
La ragionevolezza sui vincoli reggerÓ alla prova dei numeri?
Tra buon senso e senso comune
Tra buon senso e senso comune
I dilemmi della politica economica
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.