Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Lo spread e i sospetti sull'Euro

L'ipotesi di uscire dalla moneta unica nel contratto Lega-M5S

Innocenzo Cipolletta 16/05/2018

Lo spread e i sospetti sull'Euro Lo spread e i sospetti sull'Euro Come era prevedibile, i mercati cominciano ad allarmarsi alle voci di possibile uscita dell’Italia dall’euro e, quindi, dall’Europa. Lo spread sui titoli pubblici è aumentato e rischia di continuare a crescere. Aver scritto su un documento di un probabile governo Lega-M5S l’ipotesi di un negoziato per uscire dall’euro è una follia che solo degli incompetenti potevano fare. I mercati agiscono sui sospetti ben prima che sulle decisioni e questi sospetti vengono alimentati da queste lunghe trattative per un governo che sembra ogni giorno più impossibile. Occorre frenare questa deriva. Non basta che i negoziatori del nuovo governo affermino che si tratta di carte superate. Adesso occorre una presa di posizione forte che l’Italia rispetterà le regole europee a cui ha aderito, anche se non sono condivise da parte di chi pretenderebbe di fare un governo. Non è possibile giocare sulla pelle degli italiani che non hanno votato per uscire dall’euro, ma per avere un governo che risolva i problemi e non li crei.
Altre sull'argomento
Italiani ambivalenti su Europa ed Euro
Italiani ambivalenti su Europa ed Euro
Ma la maggioranza vuole restare nell'Ue e nella moneta unica
Passata Ŕ la tempesta?
Passata Ŕ la tempesta?
Gli investitori temono che l'incertezza politica perduri
 L' antitesi (presunta) tra regole e mercato
L' antitesi (presunta) tra regole e mercato
La formazione del governo tra Piano B e spread
L'improbo lavoro del professor Tria
L'improbo lavoro del professor Tria
Rassicurare i mercati sull'euro e trovare (collegialmente) le coperture
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.