Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La lezione di Italo

Le liberalizzazioni ben fatte sono un volano economico

Claudio Di Donato 08/02/2018

La lezione di Italo La lezione di Italo La vendita di Italo al fondo americano GIP va oltre il significato di una storia imprenditoriale di successo. Il valore economico è evidente. Gli azionisti del treno concorrente del Frecciarossa hanno accettato un’offerta pari a tre volte il capitale netto investito e 13 volte il patrimonio netto. I ministri Padoan e Calenda avrebbero preferito la quotazione in Borsa, ma possono consolarsi: le ricche plusvalenze dei soci produrranno un consistente gettito per il Fisco. Alcune considerazioni. Primo, l’Italia resta un paese attrattivo per gli investimenti esteri. Il fondo americano stacca un assegno da 2 miliardi (più 500 milioni di debiti) in piena campagna elettorale. Il settore ferroviario italiano, le potenzialità del turismo hanno nettamente prevalso sulle incertezza politiche e i rischi di instabilità. Secondo,  le liberalizzazioni sono un volano economico e confermano che il mercato ha doti insospettabili. Non solo. I settori ben regolati e aperti alla concorrenza rafforzano la capacità competitiva delle imprese.
 
Terzo, siamo un grande mercato strutturalmente integrato a un mercato ancora più rilevante che si chiama Europa. Svincolarsi dal club dell’euro o dal mercato unico avrebbe conseguenze nefaste sull’attrattività italiana. Un’ultima considerazione riguarda la nostra capacità di programmare. Non è un caso che il fondo americano abbia scelto l’Italia per fare il suo primo investimento ferroviario europeo. Dal 2020 partirà la liberalizzazione del settore e Italo è un ottimo asset per lanciarsi nella competizione. Forse si dovrebbero rivedere i piani su Trenitalia, che sembra aver escluso la quotazione. C’è il precedente Enel che grazie alla liberalizzazione e alla parziale privatizzazione è riuscita a migliorare la propria competitività in Europa.
Altre sull'argomento
Gli investitori internazionali e le elezioni
Gli investitori internazionali e le elezioni
Segnali contrastanti dai mercati, ma non ci sarÓ una nuova crisi
Altro parere
Altro parere
La lezione che Ferrovie deve tenere a mente
Italo e il fragile mercato finanziario
Italo e il fragile mercato finanziario
Mancano i grandi investitori istituzionali
Niente piagnistei su Italo
Niente piagnistei su Italo
Ben vengano gli investitori stranieri che portano capitali e know how
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.