Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Atac senza strategia

L'unico rimedio Ŕ chiedere soldi al Comune

Stefano Micossi 27/07/2017

Un mezzo dell'Atac a Piazza Venezia Un mezzo dell'Atac a Piazza Venezia Strana intervista quella di Bruno Rota, direttore generale Atac, a Federico Fubini, pubblicata in prima dal Corriere. Titolo: "L'Atac schiacciata dai debiti. Fatico a pagare gli stipendi. Servono decisioni subito". I debiti di cui si parla sono 1 miliardo 350 milioni, accumulati sotto le benevole gestioni di Veltroni e Alemanno. Marino aveva provato a fare un po' d'ordine, tra l'altro imponendo al sindacato un contratto più severo e l'uso del badge per timbrare le presenze e scegliendo amministratori un po' più seri. Che i grillini hanno subito mandato a casa.
 
Ora, che dice Rota? Essenzialmente, che sarebbe carino se i dipendenti lavorassero un po' di più, e magari rispettassero l'impegno a timbrare il cartellino. Di imporre il rispetto degli accordi sindacali, non se ne parla. Riduzioni di personale (Alemanno ne aveva lasciato aggiungere un paio di migliaia senza valide ragioni se non quelle elettorali)? Per carità, assurde voci di stampa. Di altri interventi non c'è parola. L'unico messaggio è che serve il sostegno dell'amministrazione: vuol dire che Rota non comanda, ma presenta proposte al Comune, che poi decide.
 
Il fatto è che la base elettorale dei grillini a Roma include proprio i lavoratori delle aziende pubbliche, ai quali in campagna elettorale avevano promesso mari e monti. Uno dei primi atti della nuova amministrazione è stata l'annunciata intenzione di cancellare i contratti più severi imposti da Marino ad Atac e Ama. Del resto, lo stesso vale per le disastrate finanze comunali. Di autentiche misure di risanamento i grillini non vogliono sentir parlare, e chiedono più soldi al governo su vari fronti. Immagino che sperino di andare al governo per poi coprire i buffi romani  a carico delle finanze dello Stato.
Altre sull'argomento
Sull'Atac volano gli stracci
Sull'Atac volano gli stracci
Il dg Rota accusa i grillini di clientelismo
Contundente
L'Europa che preferisce non esistere
L'Europa che preferisce non esistere
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Vitalizi, dal diritto al privilegio
Vitalizi, dal diritto al privilegio
La Camera approva l'abolizione con poco entusiasmo
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.