Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

ProduttivitÓ e micro-imprese

Le dimensioni contano

Danebola 25/07/2017

Una lavoratrice di una piccola impresa Una lavoratrice di una piccola impresa Nell'arco di un anno (tra il primo trimestre 2016 e il primo 2017), le esportazioni italiane di beni sono aumentate in volume del 6,8 per cento, contro un'espansione di quelle mondiali di circa il 4%. L'Italia ha preso, dunque, a recuperare quote (in volume) sui mercati globali. E' un processo lento, ma che va avanti, pur con battute d'arresto, dall'inizio del decennio. E' sintomo dell'aggiustamento della parte della nostra economia, incentrata sulla manifattura, esposta alla competizione internazionale.
 
La riorganizzazione ha preso avvio dai primi anni duemila, dopo gli shock dell’adesione all'euro e dell'ingresso della Cina nei traffici mondiali, e si è intensificata nella crisi. Essa è essenzialmente il frutto di un ricambio demografico, per cui le nuove imprese sono più produttive di quelle estinte, e di una ricomposizione tra le imprese sopravvissute, per cui le risorse (lavoro e capitale) si sono spostate verso le più efficienti.
 
Gli effetti dell'aggiustamento sono leggibili, oltre che nell'export performance, nella dinamica della produttività media manifatturiera: per questo settore non è più vera la frase "la produttività ristagna dal 1995". Il processo è, però, incompleto. Le statistiche dicono che l'Italia continua a caratterizzarsi, nel confronto internazionale, per una sproporzione di micro-imprese (sotto i 10 addetti), poco produttive.
 
C'è il dubbio che ciò sia anche il risultato di incomparabilità statistiche (la definizione di impresa, come unità statistico/legale, differisce tra i paesi), per cui sarebbe molto utile un contributo Istat/Eurostat su questo punto. Nel frattempo, per la politica dovrebbe essere chiaro l'obiettivo su cui concentrare gli sforzi per assecondare l'aggiustamento dell’industria: avvicinare la parte bassa della struttura dimensionale delle imprese manifatturiere italiane (le micro-imprese, 83% del totale) al benchmark tedesco (64%).
Altre sull'argomento
I segnali strutturali della ripresa
I segnali strutturali della ripresa
(Anche se le riprese, come le recessioni, sono tutte cicliche)
Pir e rischio bolla
Pir e rischio bolla
Ma Ŕ probabile che aumentino le societÓ quotate
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.