Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Gene Gnocchi: su Virginia una polemica avvilente. Noi dobbiamo graffiare i politici

Francesca D'Angelo, La Stampa, 20 gennaio 2024

Redazione InPiù 20/01/2024

Gene Gnocchi: su Virginia una polemica avvilente. Noi dobbiamo graffiare i politici Gene Gnocchi: su Virginia una polemica avvilente. Noi dobbiamo graffiare i politici «Un po’ avvilente». Così Gene Gnocchi – intervistato da Francesca D’Angelo sulla Stampa del 20 gennaio – commenta la polemica che ieri ha travolto – a scoppio ritardato – il programma Colpo di Luna di Virginia Raffaele. A quasi una settimana di distanza dalla prima puntata, è infatti emerso che Gennaro Sangiuliano si sarebbe contrariato per l’imitazione del direttore d’orchestra Beatrice Venezi, proposta nell’one woman show di Rai Uno. Il passaggio che avrebbe suscitato le ire del ministro della cultura sarebbe la seguente battuta: «Siccome sono una donna avvenente mi hanno dato della avvantaggiata, siccome sono una donna di destra mi hanno dato della fascistella, siccome sono una professionista seria mi hanno dato dell’antipatica. A tutte queste calunnie rispondo: antipatica no» .Virginia Raffaele ha esagerato? «Ma no, è un gioco comico che si fa. Tra l’altro la Raffaele è un’artista che imita da sempre l’intero arco costituzionale. Nello stesso Colpo di Luna ha fatto il verso sia alla Venezi che a Bianca Berlinguer. Sono convinto che il ministro stesso si renderà conto del passo falso e smentirà le indiscrezioni uscite in queste ore». Dice? «È una polemica che non porta a nulla: solo malumore. La satira deve essere libera». La politica non è però nuova nel contestare i comici. È un inevitabile gioco delle parti, visto che la satira deve per definizione dividere? «La satira è tale solo se fa girare le scatole a qualcuno. Però posso dirle una cosa? Io ho fatto satira nel programma di Nicola Porro, e lì spesso c’era ospite la Venezi. Non mi sembrava una donna priva di senso dell’umorismo, anzi. Secondo me dovrebbe intervenire lei stessa e gettare acqua sul fuoco: scommetto che non si è offesa e ha preso l’imitazione per quello che è, ossia una caricatura. Secondo me è una donna che non si arrabbia per queste cose». Le piace lo stile di Raffaele? «Molto. Se mi proponessero uno show con lei accetterei subito perché la stimo da tutti i punti di vista: professionale e umano. Trovo che sia una grande risorsa per la Rai. Ho visto i suoi spettacoli ed è in gamba. Questa polemica è un po’ avvilente». Anche lei nella sua carriera ha fatto arrabbiare qualcuno? «Ho avuto qualche problema quando ero da Floris ma, in generale, è difficile che il politico si arrabbi. Sono persone scafate: stanno al gioco, tendono a ridere e a glissare perché sanno che tanto una battuta non cambiale carte in tavola». La satira non sposta i voti? «Non più. Sempre ammesso che in passato abbia avuto questo potere». Un po’ cinico, da parte sua. «È solo il mio personale parere. A mio avviso la satira è una rappresentazione provocatoria della realtà che non spinge però la gente a cambiare idea. Viviamo in un mondo immerso nelle provocazioni, basta sfogliare i giornali». Il pubblico si è assuefatto? «Esatto. Difficilmente reagisce alla provocazione, compresa quella comica. Il suo parere non cambia. Magari si diverte, gli scappa una risata, ma poi finisce lì». In generale il governo dovrebbe occuparsi di più del Paese reale e meno del mondo dello spettacolo? «Può anche occuparsi di tv, perché no? Ma non in questi termini». E ancora deve arrivare Sanremo… «La polemica politica fa parte del gioco. Anzi, ben venga. Però come comico io non mi pongo mai il problema di prendere per i fondelli un volto di destra o di sinistra. Cerco di divertire, tutto qua. Consiglio a tal proposito di andare a guardare su Netflix l’ultimo spettacolo di Ricky Gervais: lui fa quello che deve fare. Cioè il comico. Punto. Vuole fare ridere, non cambiare il mondo». Come va invece il partito che ha fondato lei, ossia il Partito del nulla? «Molto bene, grazie. Piace molto alla gente e questo è la dimostrazione che il pubblico ha capito quanto sia vacua la politica».—
 
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.