Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Altro parere

Quell'autogol nel silenzio

Redazione InPi¨ 25/09/2020

Altro parere Altro parere Agostino Giovagnoli, Avvenire
Su Avvenire Agostino Giovagnoli commenta il “silenzio profondo” ed “eloquente” con cui in Vaticano sono state accolte le dichiarazioni di Mike Pompeo, segretario di Stato Usa, sul rapporto tra Santa Sede e Cina. “Il duro ammonimento di Pompeo alla Santa Sede perché questa non rinnovi la sua intesa «con il Partito comunista cinese», pena la «perdita della sua autorità morale», appare irricevibile e non meritevole di risposta. Secondo le più elementari regole politico diplomatiche, l’articolo e i tweet di Pompeo dovrebbero produrre effetti esattamente opposti alle intenzioni dichiarate: equivalgono infatti a una spinta perché la Santa Sede e la Repubblica popolare cinese avvicinino le loro posizioni” e infatti “il silenzio della Santa Sede rivela la volontà di proseguire serenamente sulla strada intrapresa con la Cina. Resta perciò aperto l’interrogativo sullo scopo di un atto così inusuale: davvero il massimo responsabile della politica estera di un grande Paese come gli Stati Uniti non è consapevole del possibile effetto boomerang della sua uscita? Probabilmente, per capire meglio, bisogna guardare Oltreoceano, all’infuocata campagna elettorale in corso, nella quale tutti i mezzi possono apparire buoni pur di prevalere. Compreso un coinvolgimento strumentale di papa Francesco e della Santa Sede. A votare, infatti, sono anche i cattolici americani: strappare i loro voti al cattolico Joe Biden costituisce per Trump una battaglia decisiva. In questa luce, è possibile che il suo stretto collaboratore abbia tentato una mossa spericolata per dividere i cattolici americani. Come in molte altre parti del mondo, anche negli Usa è in atto una lotta tra spinte contrapposte: quella a unire e quella a dividere i cittadini, la società, l’umanità intera. Oggi infatti la politica gioca su un senso diffuso di insicurezza che favorisce le polarizzazioni. La Chiesa cattolica è certamente tra le forze che uniscono non solo i credenti, ma tutta la famiglia umana. Pertanto, anche se non si presenta alle elezioni, costituisce un ostacolo da battere per chi punta sulla polarizzazione, sulla divisione e sullo scontro”.
 
Michele Brambilla, Quotidiano Nazionale
Il direttore del Quotidiano Nazionale, Michele Brambilla, commenta le dichiarazioni del premier britannico Boris Johnson, secondo il quale, nella lotta contro la pandemia di Covid-19, gli italiani se la stanno cavando meglio dei britannici perché rispetto a loro sono più abituati a ‘credere, obbedire, combattere’ e meno alla democrazia e alla libertà, “scemenze cui ha risposto ieri il capo dello Stato Sergio Mattarella: «Anche noi italiani amiamo la libertà, ma abbiamo a cuore anche la serietà». Può forse darsi – scrive Brambilla - che noi italiani finora siamo stati più seri, nel rispettare le distanze e portare le mascherine, perché rispetto ai popoli anglosassoni abbiamo più paura di morire: e la paura fa novanta. Però non è solo quello. E’ anche una cultura, la nostra, che non è quella della sopravvivenza del più forte, ma quella della solidarietà. Siamo magari furbastri nel non pagare le tasse e nell’aggirare i divieti; ma sulla vita non scherziamo, neanche su quella degli altri. Se la nostra sanità è fra le migliori del mondo nonostante i tanti tagli che l’hanno martoriata, è per via di questa solidarietà. Forza dunque, basta con l’autodiffamazione. Una volta – ricorda il direttore di QN - Eugenio Scalfari chiese a Indro Montanelli se l’Italia ce l’avrebbe fatta. «L’Italia no, non ce la farà - rispose Montanelli - Ma gli italiani ce la faranno»”.
Altre sull'argomento
I Comuni e la responsabilita'
I Comuni e la responsabilita'
Le reazioni alle nuove misure per arginare la pandemia
Bisogna accelerare gli investimenti
Bisogna accelerare gli investimenti
Per compensare il prevedibile calo dell'attivitÓ economica dei ...
Contundente
Contundente
Contagi
Il tempo perduto
Il tempo perduto
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.