Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Altro parere

Uno scandalo (forse) salutare

Redazione InPi¨ 23/09/2020

Altro parere Altro parere Maurizio Ambrosini, Avvenire
Su Avvenire Maurizio Ambrosini parla del caso Suarez e delle regole di cittadinanza come di “uno scandalo forse salutare”. “La congerie di regole introdotte per limitare i diritti degli stranieri può diventare una trappola anche per gli immigrati ben accetti. In questa trappola è caduto il campione uruguaiano Luis Suarez. In trattativa con la Juventus, poi interrotta, Suarez aveva bisogno della cittadinanza italiana per risultare comunitario ai fini sportivi ed essere così tesserato senza problemi e limiti da altre squadre europee. C’era persino una bella norma di legge che avrebbe potuto sgombrargli il terreno: il nostro codice della cittadinanza, approvato nel ‘92 e mai riformato, prevede un trattamento di favore per i discendenti degli emigranti italiani, e giacché le famiglie non vanno separate, anche per sposi e figli. Qualche goccia di sangue italiano nelle vene conta più di molti anni di residenza e di lavoro in Italia. Suarez ha la fortuna di essere sposato con una signora dotata di passaporto italiano, ereditato dal nonno friulano, e il dribbling sarebbe riuscito. Sennonché al Viminale per un breve ma decisivo periodo è passato Matteo Salvini, che ha messo nel mirino anche i coniugi dei cittadini italiani, imponendo anche a loro un complesso test di accertamento della conoscenza della lingua italiana per poter accedere alla cittadinanza. Preso atto dei vincoli di legge, qualche consulente sbucato dal sottobosco del calcio italiano deve aver consigliato al campione uruguaiano e al suo staff una brillante scappatoia: un esame organizzato ed espletato a tempi di record. Già erano fioccate le proteste di quanti aspettano da anni l’agognata cittadinanza. Immigrati e volontari avevano raccontato quanto lungo e impegnativo fosse stato il percorso seguito per arrivare alla conoscenza richiesta. Ora si scopre che l’esame sarebbe stato gestito in modo truffaldino, giustificato dall’eccellenza del candidato (e del suo reddito). La nostra normativa in materia di cittadinanza è la più restrittiva dell’Europa occidentale e appare sempre più obsoleta di fronte alla crescita di un popolo di italiani di fatto, ma non di diritto. Se ora il caso Suarez servisse a rilanciare una seria discussione sul tema, non sarebbe soltanto da archiviare come un deplorevole episodio da repubblica delle banane”.
 
Lucetta Scaraffia, Quotidiano Nazionale
Lucetta Scaraffia, sul Quotidiano Nazionale, critica con severità il documento vaticano contro l’eutanasia. “Non c’è nulla di nuovo nel documento vaticano sul fine vita, che ribadisce il rifiuto di eutanasia e suicidio assistito proprio quando la loro legalizzazione si sta diffondendo in tanti Paesi di tradizione cristiana e addirittura cattolica. E non si considera il fatto che questa diffusione segna un fallimento su cui si dovrebbe invece riflettere per contrastare una mentalità che purtroppo sta diventando dominante. I commenti cattolici al documento sono elogiativi, ma questo modo di affrontare questioni così drammatiche non aiuta molto a farsi capire e ascoltare nella società. Non aiuta nemmeno la poca chiarezza che continua a gravare sul nodo centrale dell’idratazione e della nutrizione artificiale, che ancora una volta non vengono considerate cure mediche ma supporti vitali. Chiunque ha visto persone care sopportare questi cosiddetti “supporti vitali” ha invece difficoltà a non considerarli interventi medici, spesso invasivi. Rimane poi aperta la questione dell’assistenza spirituale, perché è indispensabile che qualcuno sappia parlare della morte con speranza. Ma negli ospedali questo non avviene. Penso invece che si debba riflettere sulla morte sempre, mentre nelle chiese non lo si fa neppure durante i funerali. Arrivare in ritardo con frasi spesso banali non è una strategia adeguata per affrontare la drammatica diffusione del pensiero eutanasico, e la chiesa dovrebbe rendersene conto”.
Altre sull'argomento
Contundente
Contundente
Focolaio
Salvini
Salvini "liberale"
Due ipotesi di evoluzione per la Lega dopo le sconfitte alle amministrative
Sovranisti a caccia di alleati
Sovranisti a caccia di alleati
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
La visione europea di Giorgia
La visione europea di Giorgia
L'elezione della leader di FdI alla testa dei conservatori
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.