Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Altro parere

Oltre la sopravvivenza

Redazione InPi¨ 03/04/2020

Altro parere Altro parere Mattia Feltri, La Stampa
“Se fossi un sovranista, la lettera agli italiani del presidente della commissione europea, Ursula von der Leyen, non mi avrebbe riavvicinato all’Europa di un solo millimetro”. Lo scrive Mattia Feltri sulla Stampa nella sua consueta rubrica quotidiana. “Le scuse per la sottovalutazione iniziale, per le campanilistiche titubanze, gli elogi alla nostra tempra, l’elenco di quanto s’è poi escogitato per rimediare, soldo su soldo, e su quanto si escogiterà, non avrebbero fatto vibrare una sola corda della mia anima. L’Europa sta intervenendo in aiuto degli italiani, ha scritto, ed eccolo il punto: l’Europa dovrebbe intervenire in aiuto dell’Europa, la politica in aiuto della politica, la democrazia in aiuto della democrazia. Essere micragnosi di spirito oggi è sacrilego quanto esultare alla satrapia di Orbán, ed equivale a lastricare la strada ai suoi numerosi emuli. Von der Leyen e ogni commissario europeo e ogni capo di Stato e di governo dell’Unione dovrebbero per esempio leggersi il discorso pronunciato da Churchill a Zurigo nel 1946, nel quale si esortava l’Europa – fonte della fede e dell’etica cristiana, culla delle culture, delle arti, della filosofia e della scienza, dei tempi antichi e moderni – a evolvere negli Stati Uniti d’Europa. Dov’è finito tutto questo? Oltre ai conti, ai fiscal compact, ai bond, alle concessioni sul debito – questioni fondamentali, per carità – che cosa ci tiene insieme? E’sufficiente dire al sovranista che senza l’euro, in un mondo di giganti, saremmo al pane senza companatico? E’sufficiente ripetere al sovranista, con spocchia, ogni santo giorno, quanto è beota lui e quelli che vota, e quanto sarebbe bella l’Europa se solo lo volessimo, e non lo vogliamo mai? Altrimenti – lo dico anche a me stesso – Salvini e Orbán e tutti gli altri diventano un alibi. Che poi è il gioco recente della democrazia: non votatemi perché sono migliore, ma perché gli altri sono peggiori. E così non si costruisce nulla, non si propone nulla, si resta acquattati dietro le torrette del decrepito fortilizio. L’avanzata dei sovranismi obbedisce invece alle regole della fisica, e segue la ritirata della democrazia liberale. Per di più in Italia rappresentata, per un ridicolo scherzo del destino, dai Cinque stelle (che della democrazia liberale non sanno niente, se non di volerla abbattere, prima o poi) e dal Pd (in buona parte manettaro e illiberale), tenuti assieme da un presidente del Consiglio prêt-à-porter, accompagnati da residuali partitini dediti con le migliori energie a sottrarsi il salvagente l’uno con l’altro, tutti assieme protagonisti di una appena appena decorosa gestione dell’emergenza, senza un’idea per il domani che non sia ‘noi non siamo Salvini’”.
 
Maurizio Crippa, il Foglio
Sul Foglio Maurizio Crippa rimarca la differenza del comportamento tra diversi imprenditori in questa fase di emergenza. “Non ci sono solo i vip come lo chef Gordon Ramsey star di Hell Kitchen, titolo omen che ha licenziato 500 dipendenti dei suoi locali prima ancora di vedere se le idee di BoJo avranno effetto. O Flavio Briatore, già televisionista del trumpiano ‘The Apprentice’ (“Sei fuori”) che è passato dallo show ai fatti: “Ho licenziato in questi giorni più di 1.200 persone”, ha detto. Per fortuna ci sono anche giovanotti come Giovanni Rana, che ha aumentato gli stipendi, o Leonardo del Vecchio, cresciuto ai Martinitt, che ha deciso di integrare la Cassa integrazione dei suoi dipendenti (12 mila) per garantire a tutti lo stipendio pieno, e di tagliare fino al 50 per cento le retribuzioni dei manager. E per fortuna c’è la Ferrari, che davanti al probabile lockdown della Formula 1, che potrebbe significare il default del grande circo, invece di apparecchiarsi a licenziare tecnici e personale sta pensando a una strategia di gara meno sanguinaria: tagliare parte del budget riservato alle innovazioni dei motori e dei telai delle auto, risparmiando dai 20 ai 30 milioni. E mentre tutt’intorno gira una cattiva aria, il cattivo pensiero di colpevolizzare sempre il big business, è bello poter dire: grande industria, brava gente”.
 
TAG: dd
Altre sull'argomento
Le due metÓ del Paese
Le due metÓ del Paese
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.