Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Altro parere

Il partito dell'odio e gli alibi della sinistra

Redazione InPi¨ 29/07/2019

Altro parere Altro parere Nanni Delbecchi, Fatto Quotidiano
Il partito dell’odio e l’alibi perfetto della sinistra. Così, sul Fatto Quotidiano, Nanni Delbecchi sferza i pensatori moralisti sempre pronti a puntare il dito ma sempre restii a fare la benché minima autocritica: “Mi dispiace, ma con questo tipo di dirigenti non vinceremo mai. Dopo 17 anni le parole di Nanni Moretti rimbombano attuali come non mai: onore al merito dei dirigenti Pd. Se qualcuno avesse dei dubbi, ci pensa Walter Veltroni a fugarli. “La sinistra vincerà solo se saprà sconfiggere il partito dell’odio”, titola l’intervistona del tenero Uolter a Repubblica. È vero che in Italia una Destra degna di questo nome non c’è; ma non c’è nemmeno una Sinistra, quindi il problema è relativo. Piuttosto, leggere l’ascesa della Lega come l’odio che vince sull’amore è un’analisi che nemmeno Obi-Wan-Kenobi contro l’Impero del Male. Per vent’anni la sinistra ha rappresentato Berlusconi come il diavolo, e ci siamo beccati vent’anni di B. Ora Salvini è l’erede di Hitler, così un altro ventennio è in cassaforte. Chiedersi dove abbiamo sbagliato, no? Come si siano gestite accoglienza e integrazione, scatenando un’inevitabile guerra tra poveri? E se gli italiani che accreditano la Lega di un surreale 37% non fossero filo-nazisti, ma solo esasperati? Soprattutto: i nostri si saranno chiesti se questa demonizzazione degli avversari non produca l’effetto contrario? Siamo alle solite: noi siamo i fighi, loro i bruti. Un inestirpabile senso di superiorità vagamente razzista. Veltroni è un amabile persona; ma tra un’intervista, un film, un libro e un programma tv chissà se si è mai domandato se la sua posizione di pluriprivilegiato è il punto di vista migliore per comprendere l’Italia del 2019”.
 
 
Claudio Cerasa, Il Foglio
In questi giorni, con le polemiche sull’uccisione del giovane carabiniere, si è avuta l’ennesima conferma della fine del dibattito pubblico. Lo scrive Claudio Cerasa sul Foglio. “In politica, come si sa, c’è veleno e veleno e tutto sta nel capire quali sono le dosi massime che un paese può permettersi di assumere. Per diversi mesi, in molti hanno pensato che il veleno del populismo potesse avere sul tessuto del nostro paese un effetto simile a quello teorizzato da Mitridate VI, il leggendario Re del Ponto che vivendo nel terrore di essere avvelenato per diversi anni scelse di assumere piccole quantità di veleni per diventare immune a possibili avvelenamenti. Ci piacerebbe poter dire che il mitridatismo sia oggi l’espressione giusta per inquadrare l’effetto avuto dal veleno populista sul tessuto vitale del nostro paese. Ma a giudicare da una serie di episodi verificatisi a seguito della morte di Mario Cerciello Rega, si può iniziare a sospettare che il veleno dell’estremismo sia entrato in circolo nelle nostre arterie provocando non un sentimento di rigetto ma un effetto emulazione. Succede così di vedere alcuni importanti partiti italiani – avete capito quali – giocare con la xenofobia riportando in fretta e furia la notizia di alcuni uomini di colore accusati di aver ucciso il carabiniere. Succede così che l’account Twitter di un importante partito italiano, avete capito quale, scelga – chiedendosi retoricamente se si tratti o no di una ‘foto choc’ – di postare la foto di un americano in manette sospettato di omicidio e bendato mentre viene interrogato. Succede così che un importante partito italiano, avete capito quale, cerchi di trasformare i propri nemici politici in complici occulti dell’assassino di un carabiniere. Succede così che alcuni politici, potete immaginare quali, cerchino di creare un collegamento tra la difesa dello stato di diritto e la difesa di un omicida. La propensione naturale a inquinare il confronto politico azionando il ventilatore del letame nella speranza di mostrare al proprio elettorato un fallo di reazione degli avversari non è solo un ingrediente tipico del più becero populismo (se divido, sono diverso dagli altri; se non divido, sono uguale a tutti altri) ma è anche una caratteristica tipica di un dibattito pubblico disabituato a tenere sotto controllo ogni freno inibitorio. ‘Nel libro terzo della Guerra del Peloponneso – ha ricordato Mark Thompson nel suo magnifico saggio sulla ‘Fine del dibattito pubblico’ dedicato a un’America trumpiana non così diversa dall’Italia sovranista – Tucidide sostiene che un fattore importante del declino di Atene da democrazia disfunzionale fino a tirannide e anarchia passando attraverso la demagogia fu una particolare mutazione nel linguaggio, quando cioè la gente cominciò a definire le cose in modo casuale, senza ordine, facendo perdere alle parole il loro vero e accettato significato’. Ieri su Twitter un bravo professore di nome Fabio Sabatini ha  giustamente ricordato che scatenare gli istinti peggiori della gente produce sempre danni anche quando la si aizza contro chi merita disprezzo e che la barbarie comunicativa produce altra barbarie creando un circolo vizioso da cui è difficile uscire. Arrivare a trasformare la morte di un carabiniere in un tassello di una campagna elettorale infinita è un pezzo di questa barbarie. E come ha saggiamente suggerito ieri pomeriggio ai funerali di Mario Cerciello Rega il comandante generale dei carabinieri Giovanni Nistri, forse è arrivato il momento di smetterla e di posare i coltelli, grazie”. 
Altre sull'argomento
Altro parere
Altro parere
Contano i (non)fatti pi¨ delle parole
Il 59% degli italiani favorevole al Tav
Il 59% degli italiani favorevole al Tav
Contrari solo il 19% (ma il 45% degli elettori cinquestelle)
La giustizia della discordia
La giustizia della discordia
Nessuna intesa tra M5S e Lega sulla riforma del processo penale
Lo scambio salario minimo-cuneo fiscale
Lo scambio salario minimo-cuneo fiscale
Resistenza delle imprese al tavolo con le parti sociali
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.