Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Altro parere

L'altro spread

Redazione InPi¨ 10/10/2018

Altro parere Altro parere Paolo Giacomin, Quotidiano Nazionale
C’è un altro spread che indica quanto differenziale ci sia tra l’Italia e gli altri grandi Paesi sviluppati. Ne parla Paolo Giacomin in un editoriale sul Quotidiano Nazionale. “Il bestiario della burocrazia compilato dalla Cna non lascia spazio a dubbi: chi vuole avviare un’attività economica deve affrontare da 65 a 86 adempimenti e mettere in conto di spendere anche 20mila euro prima di alzare la serranda. E a conclusioni analoghe si arriva sfogliando l’ultimo indice sintetico di attrattività del sistema Italia realizzata dal Censis per l’Associazione delle banche estere in Italia: nella classifica generale al primo posto c’è la Germania, seguita da Cina e Usa. L’Italia è terz’ultima. E a determinare il brutto risultato risulta essere il sistema amministrativo declinato in carico fiscale, tempi della giustizia civile, carico normativo e burocratico. Tutto questo, ovviamente, non riguarda il governo giallo-verde. Sono spread con gli altri Paesi che l’Italia si tira dietro da decenni. Però potrebbe valere da solo come un bell’indice di priorità per aiutare chi produce Pil o per migliorare la qualità della spesa pubblica. Siamo sicuri, per esempio, che ciò che cittadini e imprese ottengono in cambio delle tasse siano servizi all’altezza? E’ lecito pensare che si possa fare meglio. Ne offre uno specchio la classifica che ogni anno la Cgia di Mestre sforna per individuare il no tax day: il primo giorno dell’anno nel quale si lavora per se stessi e non per pagare le tasse. Quest’anno è stato il 3 giugno. Nel 2017 furono necessari 153 giorni per liberarsi degli impegni con l’erario, 38 giorni in più rispetto al 1980. In Europa, sempre per la Cgia, solo la Francia chiede 21 giorni in più dell’Italia, in Germania hanno festeggiato il giorno della liberazione fiscale 7 giorni prima, in Olanda 12, nel Regno Unito 27 e in Spagna 28. Il lavoro – conclude Giacomin - non manca”.
 
Maurizio Crippa, Il Foglio
Sul Foglio Maurizio Crippa dedica il suo “Contro Mastro Ciliegia” ai “fessi del giorno”. “Nel giorno in cui il ministro delle Infradito (le Infrastrutture a questo punto sono troppo, per lui) Danilo Toninelli si butta a capofitto nel tunnel del Brennero, dando una capocciata politico-comunicativa di cui rimarrà il segno nei libri di storia; nel giorno in cui la sindachetta del municipio di Ostia, la grillina Giuliana Di Pillo, sbaglia lo Zingaretti da invitare per discutere di viadotti – ha invitato Montalbano, insomma Luca, invece del capo della sua regione, Nicola – è davvero difficile decidere a chi assegnare il premio Deficiente del giorno. La waiting list è così fitta - scrive Crippa - che per una volta manco Di Maio è in pole position. Poi c’è anche, appena si fa una capatina in Europa, il geniale collezionista che possedeva una delle seicento copie originali della “Girl with a Balloon” di Banksy, quella finita tagliuzzata da Sotheby’s. L’aveva pagata 40 mila sterline, ma deve aver pensato di essere anche lui un genio e l’ha tagliuzzata con un taglierino. Poi ha chiamato Sotheby’s sperando di fare un affarone: gli hanno detto che adesso vale solo una sterlina. Peccato. Ma si potrebbe girare l’idea a Paola Taverna, la pasionaria grillina. La sua arci-nemica Virginia Raggi vuole sfrattarle la mamma da una casa del comune, e lei dice che la mamma è povera in canna. Beh, potrebbe prendere una foto di quando se la passava alla grande con Beppe Grillo, farla a strisce e poi cercare di venderla come un pezzo di modernariato. Forse un sottoscala per la mamma lo tira fuori. A Ostia magari. O nel tunnel del Brennero”.
Altre sull'argomento
Contundente
Contundente
Per le imprese un fisco
Per le imprese un fisco "elettorale"
In continuitÓ con i governi precedenti
La manovra, lo spread e Mattarella
La manovra, lo spread e Mattarella
A quali condizioni il capo dello Stato potrebbe non firmare la legge ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.