Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Imam Al Sadr: a Teheran dico, gi¨ le mani dal mio Iraq

Francesco Semprini e Alberto Simoni, La Stampa, 5 luglio

Redazione InPi¨ 05/07/2018

Moqtada Al Sadr Moqtada Al Sadr Moqtada Al Sadr sfoggia tutto l’orgoglio di una nazione, l’Iraq, che vuole tornare a essere non solo protagonista della regione ma padrona appieno del proprio destino». Così a meno di due mesi dallo storico successo alle elezioni del 12 maggio di Sairoon (Alleanza per le riforme ndr), la composita coalizione che ingloba comunisti e il suo movimento sciita, l’uomo che quindici anni fa guidò la rivolta contro la presenza americana nel post Saddam, respinge con forza ogni ingerenza straniera negli affari dell’Iraq, a partire da Stati Uniti e Iran. Ma anche da parte dell’Arabia Saudita con la quale – dice – «è tuttavia necessario avviare relazioni stabili per il perseguimento di interessi comuni e per contrastare le minacce terroristiche». Se il messaggio ai Paesi limitrofi (e non) è chiaro, agli iracheni Al Sadr dice che serve uno sforzo comune contro il settarismo, corruzione e volto al perseguimento della rinascita nazionale che prende forma nel principio dell’«Iraqi First». Raggiungere Al Sadr è impresa quasi impossibile. Si sposta continuamente ed è schivo coi media, anche per la delicata missione politica a cui si sta dedicando, come coagulatore di interessi nazionali comuni, ma non nella veste di candidato alla leadership di governo. Ma l’uomo che ha «terremotato» la politica irachena, ribaltando previsioni e generando un’ondata di rinnovato orgoglio ha fatto rispondere alle domande che Francesco Semprini e Alberto Simoni per «La Stampa» gli hanno recapitato al suo quartiere generale di Najaf da Jaafar al-Moussawi, suo portavoce e super procuratore nel processo a Saddam Hussein. Moqtada Al Sadr, gli iracheni hanno votato il 12 maggio e c’è stato un esito favorevole al suo movimento. Quali sono gli obiettivi adesso? «Prima combattiamo la corruzione, poi dobbiamo costruire una governance tecnica, una sorta di tecnocrazia indipendente, basata sulle specialità, le capacità e il merito». L’Iraq tornerà a essere leader nella regione? «Se non facciamo le riforme il Paese non andrà da nessuna parte». Come si fanno le riforme? «Tutti i partiti devono prendere le distanze dai propri interessi e adoperarsi per il cambiamento. Da parte nostra l’ayatollah Al Sistani ha manifestato il suo sostegno al progetto di riforme e ci ha dato luce verde». Che ruolo avrà Teheran nel nuovo Iraq? «Non vogliamo nessuna interferenza da parte di nessuno straniero nelle questioni politiche interne. Questa è una delle condizioni che Sairoon ha posto a tutti gli associati, nessuno nella coalizione deve prestare fedeltà ad altri Paesi. L’Iran è un interlocutore, rispettiamo il suo governo, ma loro devono rispettare il nostro». Perché allora il generale Qasem Soleimani delle Guardie rivoluzionarie iraniane era in Iraq alla vigilia del voto? «Questo cosa non ci preoccupa, né ci riguarda, perché da noi non è venuto e non ci ha chiamato. Lo dovreste chiedere alle persone che lo hanno incontrato. Soleimani, o qualsiasi inviato di altri Paesi non deve interferire con le nostre elezioni. Questo vale per tutti, Iran, Turchia o America; l’Iraq e gli iracheni vengono prima di tutto». A proposito di America, come mai l’ambasciatore Usa, prima dell’annuncio della vittoria alle elezioni ha incontrato la Commissione elettorale? «Ecco perché l’indipendenza della commissione su cui ci battiamo è fondamentale. Ripeto, anche nel suo caso è una cosa che non ci riguarda perché non ha parlato con noi, ma se confermato si tratterebbe di un fatto inaccettabile». Che rapporti avete con l’Arabia Saudita? «Le relazioni con Riad sono buone, stiamo inaugurando una nuova era nei rapporti con i nostri vicini basati su interessi comuni e sul rispetto di un principio fondamentale: la non interferenza». Gli iracheni non dimenticano però certe vicinanze ad ambienti terroristici. «Cosa dovremmo fare? Chiudere la porta e non parlare con i nostri vicini? Noi vogliamo andare da questi Paesi proprio perché non ci siano mai più interferenze. In questo modo si può fermare e prevenire altro spargimento di sangue in questo Paese causato dal terrorismo. Siamo convinti che questo nostro punto di vista è il punto di vista dell’Iraq tutto». Come giudica la politica di Trump nella regione? «È molto differente rispetto alle precedenti, sicuramente più attiva ma anche più hollywoodiana». E la scelta di spostare l’ambasciata Usa a Gerusalemme? «È una violazione del diritto internazionale, dei diritti della comunità islamica e dei diritti umani». Il ritiro delle truppe americane nel 2011 è avvenuto troppo presto o troppo tardi a suo avviso? «Sempre troppo tardi». Dopo la ritirata però è esploso il fenomeno Isis, c’è il rischio di ritorno del terrorismo nel Paese? «Si, fino a quando il terrorismo troverà terreno fertile». Cosa deve fare l’Iraq affinché ciò non accada? «Esercitare il potere politico, dar vita a un governo forte e stabile, puntare su un’economia che funzioni, avviare una nuova fase nelle relazioni internazionali e nella politica energetica, e costruire un Paese socialmente giusto. Sino ad oggi eravamo impegnati in altre priorità, il terrorismo, le interferenze straniere, la guerra, la povertà, la corruzione. Oggi però i tempi sono maturi». Com’è nata la coalizione Sairoon? «All’inizio abbiamo registrato un partito col nome di Partito della rettitudine. Confrontandoci con tante persone diverse abbiamo capito che era giunto il momento di formare una grande alleanza, di schierarci con altri partiti. È iniziato così un dialogo multidimensionale con altre religioni e realtà dell’Iraq, yazidi, cristiani, sunniti, altre formazioni hanno mostrato interesse ad allearsi con noi. Quello che avevamo in mente era creare una realtà che puntasse a riformare il Paese, a cambiare ciò che non funzionava o era sbagliato, a ripulirlo da ciò che lo incancreniva». L’alleanza con i comunisti però è singolare. «La priorità era sostenere qualsiasi persona o candidato che lavorava per l’Iraq e che si batteva per debellare le peggiori malattie del Paese, a partire dalle violenze settarie. I comunisti sono iracheni e vogliono lavorare per il bene del Paese, abbiamo qualcosa in comune, la nazionalità e l’interesse nazionale. Sairoon vuole superare i confini del settarismo e noi vogliamo dimostrare di non essere quelli di prima. La nostra è un’alleanza patriottica e di legalità senza barriere di appartenenza, un impegno per la cosa pubblica. Per questo lasciamo a casa le questioni private». Anche se il primo ministro sarà comunista? «Se lavora nell’interesse della nazione sì. Per spiegare lo spirito di questa alleanza, tra i nostri candidati c’erano donne che non indossano il velo». Pochi giorni fa c’è stata un’esplosione a Sadr City: come si pone Sairoon rispetto alle formazioni militari che proliferano nel Paese? «La consegna delle armi è una delle prerogative della coalizione. Il processo di disarmo, che non riguarda i piccoli calibri detenuti per la difesa personale, partirà proprio da Sadr City». E cosa diranno le formazioni che nel 2014 difendevano la nazione dall’Isis? «Non importa, non possiamo lasciare armi pesanti in giro, sarà responsabilità del governo ripristinare il controllo da parte delle autorità».
Altre sull'argomento
Bill Gates, fermare flussi dall'Africa con una classe media
Bill Gates, fermare flussi dall'Africa con una classe media
Paolo Mastrolilli, La Stampa, 18 settembre
 Bill Gates, fermare flussi dall'Africa con una classe media
Bill Gates, fermare flussi dall'Africa con una classe media
Paolo Mastrolilli, La Stampa, 18 settembre
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.