Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Comandante

Edoardo De Angelis e Sandro Veronesi, Bompiani - 2023

Ex libris - Elisabetta Bolondi 24/02/2023

La copertina del libro La copertina del libro Gli autori di "Comandante", Edoardo De Angelis e Sandro Veronesi, hanno raccontato in chiave letteraria molto efficace una storia dimenticata, come le tante che hanno coinvolto durante la Seconda guerra mondiale gli uomini di mare, ponendo come esergo al libro una frase di Platone: "Ci sono tre tipi di uomini: i vivi, i morti, e quelli che vanno per mare". Ho  letto la storia con enorme commozione, sono figlia di un ufficiale di Marina che ha partecipato a quella guerra, e ho conosciuto molti degli uomini, eroi sconosciuti, che l'hanno combattuta non perdendo la loro umanità. Il caso di Salvatore Todaro è certamente eccezionale, ma gli uomini che erano con lui a bordo del sommergibile Cappellini, salpato per una missione segreta, "Agguato", da La Spezia il 28 settembre 1940 e diretto in Atlantico, dopo aver superato Gibilterra, non erano da meno. Todaro in una precedente impresa aveva avuto la schiena spezzata, e sopravviveva solo grazie ad un busto di ferro che lo massacrava di dolori. Il suo carisma presso gli uomini dell'equipaggio del piccolo sommergibile era indiscusso: l'uomo che non dormiva mai, detto Il Mago, avrebbe potuto chiedere qualunque cosa all'equipaggio che gli era affidato.
 
Provenienti da ogni parte d'Italia, ognuno col suo dialetto, sardo, napoletano, triestino, veneziano, erano uomini semplici, che condividevano il pochissimo spazio, la puzza dei loro corpi poco lavati, la paura che non li abbandonava mai, lo scarso cibo, la consapevolezza che solo la paratia metallica della nave, così precaria,  li separava dall'abisso dell'oceano. Difficile riassumere il clima che si respirava a bordo, fatto di attesa, ignorando il vero obiettivo verso cui erano diretti, consapevoli del rischio di essere intercettati dagli inglesi. Dopo aver perso un uomo, il coraggioso "corallaro" di Torre del Greco che riesce a rompere la rete metallica per aprire un varco al Cappelini violando così la inespugnabile base inglese di Gibilterra, eccoli in Atlantico; dopo uno scontro con alcuni caccia dell'Air Force, Todaro si trova di fronte ad un mercantile che naviga al buio, senza bandiera in vista. Come prescrive la legge di guerra, gli italiani fanno fuoco ed affondano la nave; si tratta di un mercantile belga, dunque neutrale, anche se, come sarà accertato, trasporta materiale bellico del nemico. Molti uomini sono in mare, aggrappati a scialuppe precarie. Di fronte alla perplessità dei suoi, che sanno che la legge di guerra prescrive che quegli uomini vengano abbandonati, Todaro fa una scelta diversa. Accoglie quei naufraghi, che per lui tali sono, e dopo diverse drammatiche peripezie li accompagnerà fino al porto più vicino, nelle isole Azzorre, dopo una lunga navigazione consentita da una nave inglese.
 
Nel prologo del libro Sandro Veronesi dichiara la ragione di questo romanzo. L'estate del 2018, molti sbarchi di migranti in fuga dai lager libici sulle nostre coste avevano prodotto un'ondata di xenofobia cavalcata da una parte politica ben nota. Gli uomini della Guardia costiera, invece, avevano fatto altre scelte, anzi l'Ammiraglio Pettorino, aveva dichiarato che "salvare le vite in mare è obbligo di legge e morale". Di grande attualità quindi la storia dimenticata di Salvatore Todaro e dei suoi uomini, a cui in attesa dell'attacco fa cantare "L'inno dei sommergibilisti" per vincere la paura, o fa cucinare dal cuoco di bordo degli squisiti gnocchi al sugo di pomodoro, per risarcirli dei forzati pasti a base di carne in scatola per risparmiare acqua ed energia. Niente di cinematografico nel racconto della vita di bordo, solo fatica, sudore, noia, attesa, nostalgia, paura. Un racconto emozionante, commovente, per chi ha conosciuto la vita e i sacrifici degli uomini di mare, le famiglie rimaste a casa, i figli che non hanno conosciuto il padre, morto e sepolto nelle acque dell'oceano. "Dei centoquarantacinque sommergibili impiegati durante la seconda guerra mondiale dalla Regia Marina Militare, ne sopravvissero soltanto trentasei. Tutti gli altri riposano sul fondo del mare, coperti di croci di corallo".
Altre sull'argomento
Il pesatore di anime
Il pesatore di anime
Olivier Norek, Rizzoli - 2023
Dear Mussolini
Dear Mussolini
William J. Cornwall, Neri Pozza - 2022
La ricreazione Ŕ finita
La ricreazione Ŕ finita
Dario Ferrari, Sellerio - 2023
The consultant
The consultant
Bentley Little, Vallecchi - 2023
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.