Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Delitti all'imbrunire

Letizia Triches, Newton Compton 2022

Ex libris - Elisabetta Bolondi 14/07/2022

Delitti all'imbrunire Delitti all'imbrunire Letizia Triches ad ogni nuova uscita dei suoi romanzi che ci portano in giro per l’Italia ci riserva sorprese: il pretesto del giallo, i congegni perfetti che la scrittrice sa costruire, la cura per la ricostruzione di ambienti, di interni, di contesti sociali, di atmosfere, non esauriscono i motivi per i quali questa autrice italiana si è saputa conquistare un’importante fetta del mercato editoriale di cui i suoi romanzi vantano importanti numeri di vendita. Ora è uscito per Newton Compton  “Delitti all’imbrunire”, che si svolge a Roma negli anni ‘90, e Letizia Triches valente storica dell’arte, lo ambienta nel momento in cui viene promulgata la celebre Legge Ronchey, quella che permise ai musei italiani di modernizzarsi, mettendosi in competizione con i grandi musei stranieri; fu reso possibile infatti privatizzare e mettere a gara book shop, caffetterie, merchandising, vendita di biglietti, consentendo a chi si aggiudicava gli appalti e vinceva le gare buoni margini di guadagno. La storia raccontata nel romanzo parte proprio dagli appetiti scatenati a Roma, capitale della cultura, nelle agenzie che nel cambiamento intravedevano lucrosi affari. E proprio una celebre agenzia romana, di fronte al Colosseo, di proprietà di uno spregiudicato imprenditore, diventa il luogo di un delitto oscuro: i dipendenti trovano il titolare, Umberto Villani, ucciso in modo cruento dietro al suo tavolo di lavoro. Entra in scena la polizia, guidata dal commissario Chantal Chiusano, che avevamo lasciato a Napoli nel precedente romanzo della Triches. Subito si comincia a scavare nell’ambiente in cui il delitto si è maturato, e incontriamo i vari personaggi a cui la scrittrice dà vita: compare la socia di Villani, Teresa Manni, ambiziosa e determinata, la ex moglie Esther, una scultrice che con Villani non manteneva buoni rapporti, anche a causa dei numerosi tradimenti. Una ex segretaria di Villani, Ambra, che è anche stata sua amante, è scomparsa: il legame con la storia passa per la sua psichiatra, Sara, altro personaggio ambiguo, in rapporto con Chantal Chiusano che l’aveva incontrata a Napoli anni prima. Ci sono poi un celebre medico romano, Alfredo Pardini e il suo giovane figlio, Luca. Tutti i personaggi avrebbero avuto interesse alla morte di Umberto Villani, ma la trama è molto complicata da un nuovo delitto e l’attenzione e la curiosità di noi lettori si intensifica.
 
La cosa che  coinvolge maggiormente  nei  romanzi dell’autrice romana è la sua capacità di raccontare i luoghi, le atmosfere, i palazzi, i monumenti, gli arredi, le facciate,  le coloriture: la Roma che attraversiamo nelle pagine del suo romanzo è segreta, preziosa, spesso poco nota: ecco un villino d’epoca alle pendici del Gianicolo, uno studio d’artista in un luogo segreto a Testaccio, una squallida periferia dove si consuma droga pesante, un interno del quartiere Prati, l’appartamento  bianco, rarefatto  ed elegante di Sara, lo studio del professor Pardini , con fedele segretaria-filtro, tipico dei grandi medici della capitale, l’appartamento super lussuoso all’Aventino  del giovane erede di Pardini, Luca, a vario modo legato alla storia raccontata.  Insomma Letizia Triches ci consegna un affresco fedele della sua città, in anni meno decadenti di questi, siamo nel 1993, con il tocco leggero ma colto di chi sa vedere e descrivere, sa interpretare ambienti sociali e professionali, sa usare una lingua attenta, sorvegliata, precisa, affilata talvolta con le armi da taglio che vengono collezionate dai vari attori di questa vicenda: artisti, collezionisti, cultori d’arte che dovrebbero occuparsi delle cose dello spirito, ma si rivelano attenti solo al potere e al denaro. Molte donne sono raccontate in questa storia, provenienti da ambienti molto diversi, che Letizia Triches non sembra voler trattare con troppa indulgenza. La sua simpatia va certamente a Chantal, vedova inconsolabile del pittore che l’ha amata, forse disposta ad una nuova storia con il suo più stretto collaboratore, non troppo attenta alla dieta, intuitiva, coraggiosa, disposta a rischiare la carriera pur di fare giustizia. Un bel personaggio femminile, questo, che speriamo di incontrare ancora nel seguito di queste storie avvincenti.
Altre sull'argomento
Il Bambino
Il Bambino
Massimo Cecchini, Neri Pozza 2022
Quel che la marea nasconde
Quel che la marea nasconde
Maria Oruna, Ponte alle Grazie 2022
Notizie della signora Marthensen?
Notizie della signora Marthensen?
Luciano Violante, Marsilio 2022
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.