Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Terrarossa

Gabriella Genisi, Marsilio - 2022

Ex libris - Elisabetta Bolondi 21/04/2022

Terrarossa Terrarossa Si presenta come un tradizionale poliziesco, il nuovo romanzo di Gabriella Genisi che ha reso celebre il personaggio della commissaria barese Lolita Lobosco, grazie anche, alla fiction della Rai che ha affidato alla bella Luisa Ranieri il ruolo, riuscito, di protagonista. Tuttavia  questo romanzo è una sorpresa perché, anche se la decisa e brillante Lolita mantiene tutte le sue caratteristiche descritte nei  precedenti romanzi, scarpe Loboutin, quelle con la suola rossa, dal tacco vertiginoso, telefonate con il caro amico e collega Salvo Montalbano, rapporti conflittuali  con la madre e la  sorella Carmela, ancora più difficili e sempre in bilico con il compagno Caruso, bello e misterioso, qui c’è qualcosa di più e di meglio: un’indagine molto accurata ed una denuncia precisa nei confronti del fenomeno del caporalato che in Puglia, provincia di Foggia, tiene in schiavitù centinaia di poveri diavoli immigrati dall’Africa in cerca di una lavoro, segregandoli, torturandoli e troppo spesso uccidendoli nell’ignoranza e nella indifferenza generale. La morte, un apparente suicidio, di una giovane e coraggiosa imprenditrice, Suni Digioia, lascia interdetta la poliziotta a cui viene affidata l’indagine. La donna, molto nota in città, aveva avuto una relazione con un uomo in vista della società barese, sposato, fratello di un magistrato: dunque il caso preoccupa le autorità che vogliono risolvere rapidamente l’indagine senza rischiare ulteriori scandali. Ma Lolita dubita che una donna così intraprendente, protagonista  di un’impresa  innovativa, amata dai suoi collaboratori e dai tanti dipendenti che aveva posto in una condizione di sicurezza  nell’azienda di famiglia, Terrarossa, trasformata in un modello sociale di integrazione dei tanti lavoratori della terra,  non più schiavi ma resi uomini e donne dignitosi, alloggiati e retribuiti come è giusto, sottratti al caporalato e alla delinquenza dei racket, si sia suicidata: aveva lavorato, Suni, perché non ci fossero  più violenza e sfruttamento, non più torture e stupri, prostituzione e fame; si era battuta per retribuzioni giuste, sicurezza, pulizia, dignità.
 
Evidentemente questo aveva un prezzo, e la morte prima di Suni e subito dopo quella di un giovane testimone immigrato e integrato, Kenan, anche lui suicida a poche ore di distanza, indicano a Lolita che c’è un legame tra le due morti, che non si tratta di suicidi, che c’è qualcosa di molto più grave, un vaso che va scoperchiato.  Gabriella Genisi alterna il tono leggero della quotidianità, i rapporti tra Lolì e la sua famiglia, gli amici e colleghi, le bottiglie di salsa di pomodoro che vanno bollite e confezionate come da tradizione immutabile, il desiderio di evasione al mare con il compagno Caruso, ad un impegno  professionale serie e determinato: la poliziotta  si mette in gioco, va fino in fondo, sfidando i suoi stessi  superiori, e riuscendo a smascherare il regime di omertà e di connivenza che ruota intorno ad una piaga, quella dello sfruttamento dei braccianti stranieri, che, malgrado le leggi, ancora permane con gravi conseguenze sociali nella terra pugliese, e non solo in quella. In pochi giorni, tra il 2 ed il 14 agosto, la commissaria Lolita riuscirà a debellare una piaga, a ridare dignità ad una donna coraggiosa, Suni, e a restituire fiducia nella giustizia a chi l’aveva smarrita. Per alleggerire un tema spinoso e violento, l’autrice conclude il suo nuovo romanzo indicando nuove ricette tipiche della cucina barese: consigliati i Panzerotti di zia Liliana, una prelibatezza da non mancare.
Altre sull'argomento
Una piccola questione di cuore
Una piccola questione di cuore
Alessandro Robecchi, Sellerio 2022
Il cimitero di Venezia
Il cimitero di Venezia
Matteo Strukul, Newton Compton - 2022
La bambina che mangiava i comunisti
La bambina che mangiava i comunisti
Patrizia Carrano, Vallecchi - 2022
La ragazza di neve
La ragazza di neve
Javier Castillo, Salani - 2022
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.