Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il talento del cappellano

Cristina Cassar Scalia, Einaudi - 2021

Ex libris - Elisabetta Bolondi 18/03/2022

Il talento del cappellano Il talento del cappellano La scrittrice siciliana Cristina Cassar Scalia continua a pubblicare la serie di detective story ambientate alle pendici dell’Etna, tra Catania, Aci Trezza, Acireale: ne è protagonista Vanina Guarrasi,  poliziotta capace di intuizioni che la portano a risolvere casi apparentemente insolubili, grazie al suo efficace metodo investigativo: scandagliare la vita passata di quanti sono coinvolti nel delitto che si appresta ad affrontare. Con lei una squadra di fedelissimi collaboratori, la nordica Marta Bonazzoli, fidanzata col capo, Tito Macchia, grosso fumatore di sigari, i vari Spanò, Pappalardo, LoFaro, e soprattutto il vecchio commissario ormai in pensione,  Patanè, che condivide con la più giovane Guarrasi  ipotesi e congetture.  Vanina deve affrontare un caso strano: al Grand Hotel della Montagna, in ristrutturazione,  il  guardiano Scimemi  scopre il cadavere di una donna. La polizia arriva sul posto, ma del cadavere non c’è traccia. Invece poche ore dopo in una cappella del cimitero cittadino  vengono ritrovati due cadaveri disposti  come per un tetro spettacolo: oltre alla donna, la pediatra Azzurra Leonardi, molto nota in città, giace strangolato come lei monsignor Mungo, un autorevole prelato. Perché i due morti giacciono insieme nella cappella funeraria dei Mungo? E chi li ha trasportati lì, dato che certamente sono stati uccisi altrove? Cosa si nasconde dietro le vite delle due vittime che apparentemente non hanno legami noti?
 
Le indagini a tutto campo si svolgono in modo frenetico, perché sono gli ultimi giorni dell’anno e Vanina cerca di  riempire con la passione per il suo lavoro il vuoto della sua vita privata. A Palermo c’è il giudice Paolo Malfitano, con il quale Vanina ha avuto una lunga relazione  entrata in crisi ma non davvero conclusa. Oltre alle indagini scrupolose sul duplice delitto, in cui sembra coinvolta anche la mafia locale, il fascino dei  romanzi di Cassar Scalia sta nella personalità dei personaggi e nei loro stili  di vita: bar, pasticcerie, osterie, sono al centro della vita di tutti. Colazioni ricche di ravioli al cioccolato, cornetti alla crema,  cene a base di involtini, caponatine, panini con la meusa, melanzane, pasticci, torta savoia, fanno da base di partenza per le scorribande in macchina su e giù per i paesi dell’hinterland etneo, in mezzo ad ingorghi micidiali del traffico cittadino, tra cimiteri e visite in ospedale, feste notturne e serate solitarie che Vanina passa avvolta in un plaid, davanti alla tv dove passano i film d’epoca più celebri della cinematografia italiana, puntigliosamente collezionati, mentre  i pasti sono piatti scaldati al micro onde, dono della vicina Bettina,   intervallati dal fumo delle Gauloises, in attesa della svolta delle indagini. 
 
Fino alle ultime tre pagine del romanzo né Vanina né i lettori riescono  ad individuare il vero colpevole dei delitti: tutta la società cittadina vi  sembra coinvolta, medici, preti, scout, volontari, mafiosi, avvocati, magistrati,  amici, l’ex marito di Azzurra,  mentre l’acume  investigativo e la pazienza della  Guarrasi avrà  la meglio.  Divertente l’uso del dialetto, le locuzioni colorite, i modi di dire e le parole mai sentite da noi continentali: Gino Patanè, in gran confidenza con la dottoressa Guarrasi non esita a parlare in stretto dialetto catanese: “Lassamu stari, va’, dottoressa. ..Chistu ca russa, o se s’arrusbigghia si mette a ghittare vuci, ‘sta luci azzurrina sempre addumata. Cose di nesciri pazzi…”. Piatti siciliani e film, scorribande in auto e un passato angoscioso che ritorna, una Sicilia di grande attualità che partendo da Camilleri passa per Gaetano Savatteri, Gian Mauro Costa oltre alla bravissima Cassar Scalia, restituendo alla Sicilia il posto che ha ricoperto nella narrativa italiana contemporanea.
Altre sull'argomento
Una piccola questione di cuore
Una piccola questione di cuore
Alessandro Robecchi, Sellerio 2022
Il cimitero di Venezia
Il cimitero di Venezia
Matteo Strukul, Newton Compton - 2022
La bambina che mangiava i comunisti
La bambina che mangiava i comunisti
Patrizia Carrano, Vallecchi - 2022
Terrarossa
Terrarossa
Gabriella Genisi, Marsilio - 2022
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.