Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

L'apprendista

Barbara Shapiro, Neri Pozza - 2020

Ex libris - Elisabetta Bolondi 22/01/2021

L'apprendista L'apprendista Barbara Shapiro, insegnante di Boston, ci regala nel romanzo “L’apprendista”, pubblicato da Neri Pozza, una vicenda nella quale realtà storica e finzione romanzesca trovano una sintesi interessante. La Parigi della Lost Generation, quella che vide la presenza   di giovani intellettuali destinati a divenire un mito, a partire dall’atelier dove la coppia Gertrude Stein e Alice Toklas teneva salotto: lì si incontravano Pablo Picasso e Henry Matisse, Scott e Zelda Fitzgerald, Hemingway e Leo Stein. Lì la scrittrice colloca anche i due protagonisti del suo romanzo, il maturo collezionista americano Edwin Bradley e la sua giovanissima assistente, Vivienne Gregby. Lei in realtà è fuggita dalla sua ricca casa di Bruxelles, piena di quadri che suo padre colleziona, in seguito alla scomparsa del suo promesso sposo George, dileguatosi dopo aver derubato di tutti i loro beni la famiglia della promessa sposa Paulien Mertens. Ora si è stabilita a Parigi, si è tinta e tagliata i capelli, ha cambiato nome, cerca un lavoro che le permetta di sopravvivere. L’incontro col dottor Bradley le cambierà la vita. Lui la vuole con sé a Philadelphia, dove ha intenzione di creare una scuola d’arte dove troveranno posto le decine di quadri di promettenti artisti europei ancora sconosciuti in America. L’aiuto di Vivienne, intraprendente, colta e determinata, gli sarà utilissimo. Lui però è sposato con Ada, con cui ha un rapporto ormai freddo, mentre la donna intuisce l’attrattiva che il marito nutre per la assistente/apprendista e prepara le contromosse per prevenire atti legali e testamentari in favore di lei. La storia si fa sempre più intrigante. A Parigi nasce la tresca di Vivienne con Henry Matisse, innamoratissimo della ragazza anche se sposato. La gelosia di Bradley è inevitabile.
 
Nel frattempo ricompare anche George, che, uno Zelig che cambia volto, nome, attività presentandosi con le sue truffe miliardarie sugli scenari che vedono in prima linea anche Bradley e Vivienne. Libro colto, pieno di riferimenti ad un periodo della storia dell’arte europea davvero straordinario per la creatività, la sperimentazione, la nascita di nuove scuole e nuovi metodi di rappresentazione della realtà. I colori di Matisse, la rivalità con Picasso, la vita parigina dei caffè, gli incontri fra intellettuali squattrinati ma decisi a sfondare con le loro opere originali è ricostruita con grande abilità e con forte presa. Anche la parte ambientata negli Stati Uniti in quei primi anni del secolo, durante il proibizionismo, è ricostruita con abilità ed efficacia. Al centro di tutto Vivienne-Paulien, innamorata dell’America ma pur sempre europea, pronta alle passioni e al sesso, ma soprattutto dell’arte, dei quadri, degli artisti per i quali nutre una devozione totale. Tradotto da Maddalena Togliani, il romanzo si legge con grande piacere perché capace di far rivivere scenari un po’ dimenticati. Bellissima la copertina che riproduce una foto d’epoca capace di evocare l’atmosfera del romanzo.
Altre sull'argomento
Voglia di libri
Voglia di libri
Mario Andreose, La Nave di Teseo 2020
Ognuno accanto alla sua notte
Ognuno accanto alla sua notte
Lia Levi, edizioni e/o 2021
Il pane perduto
Il pane perduto
Edith Bruck, La nave di Teseo - 2021
Caesar
Caesar
Antonella Prenner, Rizzoli - 2020
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.