Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Caesar

Antonella Prenner, Rizzoli - 2020

Ex libris - Elisabetta Bolondi 15/01/2021

Caesar Caesar Dopo averci raccontato Cicerone, nel best seller “Tenebre”(Sem),  Antonella Prenner si serve di Servilia, per entrare negli anni terribili del passaggio dalla Res Publica ad una dittatura che ebbe per protagonista Gaio Giulio Cesare e che segnò in modo indelebile la storia di Roma. Servilia è una nobile matrona romana che fu amante di Cesare per tutta la vita. Si erano conosciuti nell’infanzia, quando il futuro padrone di Roma era un ragazzino intelligentissimo; aveva litigato con Catone, il fratello di Servilia, innestando una rivalità che avrebbe avuto tragiche conseguenze. Quasi impossibile riassumere quegli anni convulsi che portarono Cesare a varcare il fiume Rubicone, perché da quel momento tutto cambiò nella storia pubblica e nella vicenda politica e personale di Cesare e di Servilia. Lui aveva avuto tre mogli, lei due mariti. Eppure la passione che durò tutta la vita, fu bruciante, ininterrotta, anche se vissuta da Servilia, la voce narrante, in modo alterno: regina del cuore e dei sensi del futuro dittatore, ma anche oggetto: trascurata, umiliata, abbandonata. Nel libro la passione tra i due viene raccontata con la sensibilità di una donna che per il suo amante trascura dignità, famiglia, affetti: prima di tutto viene lui, che la vuole con sé nei gelidi inverni, in accampamenti che non offrono conforto ad una donna bellissima ma ormai non più giovane: i capelli grigi e crespi si affacciano dai veli che li coprono, nelle lunghe veglie solitarie l’attesa del corpo dell’amato a cui stringersi è sempre più rara. Cesare circondato dai suoi fedelissimi, è preso dalle decisioni difficili che faranno di lui l’unico vincitore, in una serie di battaglie sanguinose, le guerre civili che misero l’uno contro l’altro amici, figli, parenti. L’Italia, la Gallia, la Grecia, l’Egitto, i luoghi delle gesta che portarono Cesare e sconfiggere Pompeo, sono descritti da una dolente Servilia, che incontra mentre è al seguito dell’uomo adorato i personaggi più significativi di quel periodo drammatico: Cicerone, che si è schierato contro Cesare, Tito Labieno, e ancora Marco Giunio Bruto, il figlio di Servilia che forse, dicono i pettegoli nel Foro, è figlio dello stesso Cesare.
 
Ma quello che colpisce nel racconto coltissimo ma umano di Antonella Prenner è il ruolo importante attribuito alle donne, che nella storia, e soprattutto in quella dell’antichità, non sempre sono state raccontate nel ruolo che meritano. Aurelia, la madre del generale, amata ed ascoltata dal figlio che ne accoglie i saggi consigli; Giulia, la figlia prediletta, sposata all’ormai anziano Pompeo e sacrificata al potere, morta troppo presto. E ancora Calpurnia, l’ultima giovane moglie di Cesare, vedova e sola, trascurata dal marito potente, idolatrato da uomini e donne. Le figlie di Servilia, Tertulla, Giunia, giovani donne che vivono lontane dalla madre, chiacchierata e presa solo dalla sua passione; e ancora una anziana prostituta della Suburra, Lidia, che aveva conosciuto Cesare in gioventù   che l’aveva sempre protetta. Tra tutte loro non può che emergere la splendida e misteriosa Cleopatra, alla pronuncia del suo nome dal suono melodioso, Servilia trema: capisce che è arrivata la fine della sua appartenenza a Cesare. Con la regina d’Egitto, che gli darà un erede, non può davvero competere. Ci sono tanti temi e spunti da analizzare nel libro, soprattutto la lingua che l’autrice costruisce con rara sensibilità: sembra di sentir tradurre Lucano, Tito Livio, Plutarco, Lucrezio, Svetonio, Cicerone, Catullo, eppure la forma italiana che leggiamo è lirica, armoniosa, leggera, anche se si descrivono combattimenti feroci, assedi interminabili, vinti e vincitori, teste mozzate, nemici incatenati e torturati. Ma la voce di Servilia, che non si tinge più i capelli con le tinture batave e non si cosparge più il corpo con unguenti raffinati, magari appena giunti dall’Egitto, il regno della sua rivale, è la voce di una donna sconfitta, dopo aver avuto l’amore incondizionato di Cesare, di essere stata l’unica donna davvero prescelta per le confidenze, il sesso vissuto con gioia, la fiducia totale. Un sacchetto con un dado, un’aquila d’argento, un lungo papiro vergato dal suo amante, sono quanto resta a questa Venere, così l’aveva definita Cesare, al culmine della loro storia. Il quadro della società romana così profondo e articolato che Antonella Prenner ci regala in questo romanzo ci fa ripensare alle storie che abbiamo studiato a scuola, agli slogan che abbiamo imparato a memoria, alle frasi celebri estrapolate da un contesto ben più complesso. Con rara competenza storico-politica la scrittrice ci aiuta a rileggere da un punto di vista originale, diverso, la storia dei nostri progenitori, senza conoscere la quale è difficile leggere anche il nostro presente.
Altre sull'argomento
Voglia di libri
Voglia di libri
Mario Andreose, La Nave di Teseo 2020
Ognuno accanto alla sua notte
Ognuno accanto alla sua notte
Lia Levi, edizioni e/o 2021
Il pane perduto
Il pane perduto
Edith Bruck, La nave di Teseo - 2021
L'apprendista
L'apprendista
Barbara Shapiro, Neri Pozza - 2020
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.