Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

E i figli dopo di loro

Nicolas Mathieu, Marsilio 2019

Ex libris - Elisabetta Bolondi 18/10/2019

La copertina del libro La copertina del libro La storia raccontata da Nicolas Mathieu nel romanzo "E i figli dopo di loro" comincia nel 1992, quando Anthony, uno dei protagonisti, ha solo quattordici anni. Sua madre Helene ha un brutto rapporto con il marito Patrick, che spesso alza le mani su di lei: Anthony, spinto da un cugino, per raggiungere una festa di ragazzi dove ci sarà anche la bella Stephanie, prende di nascosto la motocicletta a cui il padre tiene moltissimo; durante la festa, dove viene consumato molto alcol, il ragazzo si sente male e quando cerca la moto, capisce che è stata rubata. Forse è stato Hacine, un ragazzo di origine marocchina più grande di loro, molto sveglio e aggressivo. Nel dramma familiare che sta per consumarsi, Helene va coraggiosamente a casa del padre di Hacine a chiedere conto della moto rubata, ed ecco l'intreccio fra le vite di questi due ragazzi, che proseguirà nel corso del lungo racconto con cui Nicolas Mathieu ci accompagna raccontando l'educazione sentimentale travagliata di tre adolescenti che vivono in un paese del nord est della Francia, dove la grande crisi economica della fine degli anni Novanta sta già facendo sentire i suoi effetti: gli adulti perdono posto di lavoro e sicurezza, le fabbriche chiudono, la miseria si affaccia sempre più minacciosa.
 
I ragazzi invece sembrano non rendersene conto. I loro turbamenti, le insicurezze, gli amori difficili, una sessualità acerba e spesso troppo precoce, le differenze di censo, di posizione economica e sociale, diventano ostacoli che si frappongono ad un progetto di vita che abbia un senso. Seguendo le vite dei tre ragazzi, Mathieu ci racconta la società della Francia evoluta che vive le profonde contraddizioni di un capitalismo che non ha dato le risposte giuste, di immigrati di seconda generazione che non riescono ad integrarsi davvero, sempre in bilico tra violenza ed illegalità, mentre Parigi appare lontana, irraggiungibile. Quando Stephanie vorrà emanciparsi dalla vita di provincia e raggiungere la capitale per studiare ed aspirare al ruolo sociale a cui aspira, si troverà di fronte alla solitudine, alla inadeguatezza, alla estraneità nei confronti di un mondo che non conosce e non la riconosce. Anche i genitori di questi ragazzi si trovano ad abitare un mondo che li rifiuta. Patrick, licenziato dalla fabbrica, si trova a doversi confrontare in un mondo dove "i colletti blu non contavano più niente".
 
Hacine è forse il personaggio più problematico del romanzo, quello più contraddittorio, simbolo di una società che credeva di aver dato ai propri concittadini provenienti dalle colonie sicurezza, stabilità, e invece ne ha fatto troppo spesso degli sradicati, insicuri, potenzialmente violenti. Un romanzo corale, quello costruito da Mathieu, un'analisi spietata della società francese colta in un momento di grande debolezza, che anticipa la crisi con cui tutta l'Europa ha fatto e sta facendo i conti. Tutti i personaggi del racconto ci raccontano un pezzo di storia, uno squarcio di miseria, di fallimento, di solitudine che colpisce città e periferie, centri importanti e province, trasversale alle generazioni e alle classi di provenienza. I sogni delle due adolescenti, belle e disinibite, viziate e arroganti, Steph e Clem, finiranno presto contro la durezza delle gerarchie sociali, gli ostacoli di un mondo del lavoro sempre più selettivo e concorrenziale. Un romanzo duro, ben scritto, talvolta un po' troppo didascalico e moraleggiante, ma certamente molto coinvolgente. Se l'Italia vive la sua crisi, anche la Francia non è esente da enormi difficoltà, suggerisce lo scrittore.
Altre sull'argomento
 L'ultima intervista
L'ultima intervista
Esckol Nevo, Neri Pozza 2019
Breve storia del mio silenzio
Breve storia del mio silenzio
Giuseppe Lupo, Marsilio 2019
I giorni del giudizio
I giorni del giudizio
Giampaolo Simi, Sellerio 2019
Fratello grande
Fratello grande
Mahir Guven, E/O 2019
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.