Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

I tempi nuovi

Alessandro Robecchi, Sellerio 2019

Ex libris - Elisabetta Bolondi 26/04/2019

La copertina del libro La copertina del libro A detta di molti lettori esperti, quelli di Alessandro Robecchi sono i migliori gialli in circolazione. Anche in questo ultimo libro, dal titolo chiaro, "I tempi nuovi", lo scrittore  continua a raccontarci Milano attraverso i personaggi ormai familiari per i suoi fedeli lettori, creati sin dal primo romanzo del ciclo: l'autore di programmi spazzatura per la tv commerciale Carlo Monterossi, il suo amico investigatore Oscar, e la irresistibile coppia di poliziotti, Ghezzi e Carella, alle prese con una città sempre più spaventosa come le recenti cronache non mancano di sottolineare. Alessandro Robecchi, che mostra di conoscere bene la sua città, è capace di ricostruire trame che pur essendo  frutto della sua fantasia, rispondono con coerenza e senso di realtà al momento storico, i tempi nuovi che il nostro paese attraversa, di cui la "capitale morale" del Nord sembra farsi interprete.
 
Fiumi di denaro, tanto denaro, circolano in città, attraverso strade sconosciute, percorsi labirintici, rivoli carsici di difficile identificazione. Al centro della storia una sorta di banca segreta, una lavanderia che raccoglie gli incassi al nero di centinaia di commercianti, spacciatori, gestori di case da gioco, agenzie di scommesse clandestine, in grado di ripulire il denaro ottenuto attraverso le diverse forme di illegalità in cambio di una congrua percentuale. L'organizzazione capillare ha diverse basi al centro di Milano, dove il denaro viene consegnato da ignari fattorini che in cambio di ricchi compensi portano a destinazione le sacche sportive in cui si celano le mazzette di banconote. Ma quando uno di questi ignari autisti, un giovane ingegnere incensurato, viene trovato legato alla sua auto e ucciso, partono le indagini che Ghezzi e Carella intraprendono con la solita forte motivazione etica anche se brancolano nel buio.
 
Una brava poliziotta della loro squadra, Agatina Cirielli, decisa a lasciare la polizia perché delusa dalla lentezza e inefficacia delle procedure del pubblico servizio, si mette in società con Oscar, il detective amico di Carlo: ecco dunque che si ricompone il puzzle che vede lavorare in parallelo i veri poliziotti e quelli privati, in un gioco delle parti che tende però allo stesso fine, smascherare l'assassino e l'organizzazione criminale che c’è dietro quel delitto. Carlo Monterossi nel suo stupendo attico bianco, gestito dalla preziosa domestica Katrina, è un po' la cerniera di tutto il racconto, attraverso cui può guardare con disprezzo il cinismo e la mancanza di verità e di onestà dei cosiddetti tempi nuovi, quelli che vengono rappresentati nelle sue trasmissioni televisive dove vengono gettati in pasto a spettatori famelici di emozioni morbose personaggi della cronaca, pagati per creare commozione e strappare lacrime.
 
Il personaggio femminile con cui Carlo si misura, Gloria Grechi, donna bella e ambigua, non può che essere la parte sbagliata della medaglia che per un attimo ha affascinato Carlo, sognatore un po' romantico, incapace forse di uscire dal suo eremo dorato fatto di cibi raffinati e di canzoni di Bob Dylan, incapace di trovare la vera forza per opporsi ai tempi nuovi che ci minacciano. I personaggi più simpatici del campionario milanese di Robecchi restano il sovrintendente Ghezzi e sua moglie, la Rosa, che rappresentano la controparte vincente a quell'atmosfera elitaria e formale che condanna la nostra società a subire i famosi tempi nuovi del titolo.
Altre sull'argomento
La danza dei veleni
La danza dei veleni
Patrizia Rinaldi, E/O 2019
Almarina
Almarina
Valeria Parrella, Einaudi 2019
Pranzi di famiglia
Pranzi di famiglia
Romana Petri, Neri Pozza 2019
Quelli cattivi
Quelli cattivi
Massimo Lugli e Antonio Del Greco, Newton Compton 2019
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.