Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La vera vita, di Adeline Dieudonné, Solferino 2019

Adeline Dieudonné, Solferino 2019

Ex libris - Elisabetta Bolondi 01/03/2019

La vera vita, di Adeline Dieudonné, Solferino 2019 La vera vita, di Adeline Dieudonné, Solferino 2019 “La vraie vie”, tradotto letteralmente in italiano da Margherita Belardetti per Solferino Libri è il romanzo d’esordio di Adeline Dieudonné: un libro intenso, commovente, violento, sincero. In un quartiere periferico triste, modesto, denominato Demo, in un  appartamento di quattro stanze  vive la protagonista, voce narrante della storia, una ragazzina di dieci anni, con i  genitori e il fratellino Gilles di sei anni, che vive all’ombra della sorella. E’ una famiglia difficile: il padre è un uomo violento, la madre succube della sua crudeltà subisce in silenzio percosse e umiliazioni, il bambino si difende dormendo nel letto della sorella. Ma un episodio drammatico, la morte del gelataio che con il suo carretto offriva ai ragazzini un momento di felicità, rompe un precario equilibrio. La ragazzina aveva chiesto la panna sul suo gelato, ma improvvisamente il sifone erogatore era esploso sul volto dell’uomo, uccidendolo in modo truculento. Gilles ne resterà colpito fino a cambiare carattere, a divenire violento a sua volta: tortura animali, si chiude nella stanza dove il padre colleziona gli animali morti impagliati, vittime del suo fanatismo di cacciatore-predatore, si identifica con una iena crudele, simbolo del nuovo corso della sua giovane psiche, nella quale sembrano brulicare parassiti malvagi. Passa il tempo, la ragazza diventa sempre più brava a scuola nelle materie scientifiche, tanto che comincia a frequentare segretamente un fisico geniale, il Professor Young, che asseconda il suo desiderio di emulare Marie Curie e la introduce nel mondo dei Quanti; per pagarsi le lezioni si propone come baby sitter a una famiglia di vicini: Piuma e il Campione, con i loro due bambini, diventano per lei un luogo di felicità, anzi qualcosa di più.
 
La maturazione della protagonista, la sua iniziazione alla vita adulta toccherà un diapason quando la follia di suo padre finirà per esplodere. Un libro pieno di sensibilità, costruito con grande finezza psicologica nel descrivere la crescita di un’adolescente inquieta, infelice, ma decisa a contrastare il destino che l’ha posta in una famiglia disfunzionale, in una società violenta ed indifferente, in un mondo segnato dalla malvagità e dall’abuso a cui non sembra esserci rimedio. La ragazza è decisa a salvare suo fratello, a vivere una vita normale, a liberarsi dagli incubi che ne hanno segnato l’infanzia, a non ripetere il destino di sua madre, “un’ameba”, a liberarsi si un padre-padrone capace solo di predare, dilaniare, uccidere. Un romanzo di formazione, quello di Adeline Dieudonné, che non risparmia pagine di crudo realismo, soprattutto nella descrizione della progressiva violenza annidata nella mente malata degli uomini protagonisti, il padre, i suoi amici, i loro figli, educati ad un machismo cieco e malvagio, di cui le donne subiscono conseguenze drammatiche: la madre, Yaelle, la moglie del professor Young, la stessa narratrice. Ma si può cambiare, ci si può opporre, si può vincere con la determinazione, l’intelligenza, la cultura, la musica, sembra suggerire il finale terribile di questo libro scritto con grande abilità letteraria, con una leggerezza nell’uso della lingua che sorprende,  soprattutto quando vengono narrate violenze estreme. Il sangue opposto allo studio, la scienza opposta alle armi, l’amore contrapposto ad un odio feroce e assassino, gli animali domestici invece dei predatori, un cucciolo amato contro la zanna di un elefante straziato, questo sembra raccontarci l’autrice costruendo un personaggio femminile potente che per salvare il fratello ha combattuto in coraggiosa battaglia.
Altre sull'argomento
Non ci salveranno i melograni
Non ci salveranno i melograni
Maristella Lippolis, Ianieri edizioni 2019
Non sono stato io
Non sono stato io
Daniele Derossi, Marsilio, 2019
Verso Sant'Elena
Verso Sant'Elena
Roberto Pazzi, Bompiani 2019
Di chi è questo cuore
Di chi è questo cuore
Mauro Covacich, La Nave di Teseo 2019
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.